Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Aprtura in calo per la Borsa svizzera in seguito al "martedì nero" fatto registrare da Tokyo. Alle 9:25 circa l'indice SMI dei titoli guida segna -1,76% a 6.164,34 punti. L'indice allargato SPI è a quota 5.587,62 (-1,90%).

La Borsa di Tokyo ha chiuso con un tonfo del 10,55% dell'indice Nikkei, riuscito a fine contrattazioni a contenere il ribasso, spinto in corso di seduta fino a -14, a causa del panico diffuso tra gli investitori per l'aggravarsi della crisi nucleare. In chiusura, è crollato di 1.015,34 punti a 8.605,15 punti.

L'indice allargato Topix ha segnato una caduta di 80,23 punti a 766,73, con un calo del 9,47%. Per l'indice Topix è il ribasso maggiore registrato dall'ottobre 2008. Per entrambi gli indici è, in termini percentuali, il terzo peggiore di tutti i tempi.

Il sisma in Giappone ha avuto ripercussioni anche su Wall Street che, dopo aver toccato i minimi delle ultime sei settimane, ha recuperato nel finale e limitato le perdite. Il Dow Jones è calato di 41,24 punti, o lo 0,43%, a 11.993,16 punti. Il Nasdaq ha ceduto 14,64 punti, o lo 0,54%, a 2.700,97 punti. Lo S&P 500 è arretrato di 7,89 punti, o lo 0,60%, a 1.296,39 punti.

Apertura in rosso anche a Milano, con il Ftse Mib in calo del 2,15% a 21.320 punti. Stessa sorte per Londra, con il Ftse-100 a 5.670,78 punti (-1,81%); Francoforte, a 6.692,75 (-2,53%); e Parigi, con l'indice Cac 40 a 3.792 punti (-2,17%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS