Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera ha aperto le contrattazioni al di sotto della parità. Poco dopo le 09.20 l'indice SMI dei titoli guida era a quota 6464,4, in calo dello 0,12%. L'indice allargato SPI scendeva dello 0,14% a 5670,61 punti. Dopo i guadagni degli scorsi giorni, il mercato ha perso slancio, ha commentato un operatore.
Fra le blue chip elvetiche balzo del 2,56% per l'UBS. Stamane l'UDC si è detta disposta a votare al Consiglio nazionale a favore dell'accordo fiscale con gli USA.
Ieri Wall Street ha chiuso contrastata. Sul mercato ha avuto un impatto negativo la notizia del declassamento del debito della Grecia da parte di Moody's. L'indice Dow Jones è sceso dello 0,20% a 10'191,12 punti, mentre il Nasdaq era di poco sopra la linea di demarcazione (+0,02% a 2243,96 punti). La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi con un lieve rialzo dello 0,08%, a 9887,89 punti.
In Europa, a Londra l'indice FTSE 100 ha avviato la seduta con un netto calo dell'1,02% a 5149,15 punti. Alla Borsa di Francoforte il Dax ha aperto con un ribasso dello 0,58% a quota 6089,32, mentre a Parigi l'indice Cac 40 segnava una flessione dello 0,97% a 3590,83 punti. Partenza al di sotto della parità anche a Milano. Il primo indice Ftse Mib era in perdita dell'1,16% a 19.954 punti, l'Ftse It All-Share dell'1,08% a quota 20.544.

SDA-ATS