Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Partenza negativa stamane alla Borsa svizzera, dopo il pesante calo in Asia sulla scia della delusione per i dati sull'occupazione americana e i timori per l'allargarsi della crisi del debito in Europa, stavolta all'Ungheria.
Alle 09.20 circa l'indice SMI dei titoli guida è a quota 6261,61, in discesa dello 0,55% rispetto alla chiusura di venerdì. L'indice allargato SPI segna 5511,71 punti, in perdita dello 0,61%.
La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi con un ribasso del 3,84%, dopo aver toccato perdite di oltre il 4%, a quota 9520,80. Venerdì Wall Street aveva chiuso con il Dow Jones in calo del 3,15% e il Nasdaq del 3,64%.
Apertura in flessione anche sulle altre principale piazze europee. A Milano il Ftse Mib cede l'1,7% a 18.413 e il Ftse All Share l'1,65% a 19.064 punti. A Londra l'indice FTSE 100 scende dell'1,39% a 5055 punti, mentre a Francoforte il Dax è in calo dell'1,05% a quota 5876,48 punti. Arretramento più accentuato a Parigi, dove l'indice Cac 40 lascia sul terreno l'1,73% a 3395,85 punti.

SDA-ATS