Navigation

Borsa svizzera: avvio incerto

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 maggio 2012 - 09:32
(Keystone-ATS)

Avvio incerto per la Borsa svizzera che dopo le prime battute si è mossa attorno alla parità. Alle 09.15 il listino principale segna 5966,08 punti, in calo dello 0,20%. L'indice allargato SPI è a quota 5586,27 (-0,03%).

Stando agli operatori, Zurigo aveva già anticipato ieri l'andamento negativo delle altre piazze. I margini per una ripresa sono tuttavia considerati esigui. Gli investitori sono tuttora confrontati con lo stallo politico in Grecia e le incertezze sull'ulteriore politica in Francia e in altri paesi europei, situazioni che frenano gli acquisti. In Svizzera gli occhi sono puntati su Holcim che stamane ha pubblicato il bilancio trimestrale. Il titolo del numero due mondiale del cemento sale dello 0,64%.

La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi in calo dell'1,49%, scontando i timori su Eurolandia, vista l'instabilità politica in Grecia per le difficoltà legate alla formazione del governo dopo le elezioni generali di domenica, e la solidità dello yen. L'indice Nikkei è sceso a quota 9045,06.

Chiusura in negativo ieri sera a Wall Street, con il Dow Jones che ha perso lo 0,59% a 12.932,09 punti e il Nasdaq lo 0,39% a quota 2.946,27.

Avvio di seduta positivo per le principali piazze europee. A Milano l'indice Ftse Mib ha aperto in rialzo dello 0,56%. A Londra l'Ftse 100 sale dello 0,14%. La Borsa di Francoforte ha avviato la seduta con il Dax in crescita dello 0,60% e a Parigi l'indice Cac 40 segna +0,42%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?