Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura sotto la parità per la Borsa svizzera. Dopo alcuni minuti i listini sono passati in territorio positivo, per poi subito perdere terreno. Verso le 09.25 l'indice SMI dei titoli guida registrava 7978.58 punti, in flessione dello 0,05%. L'indice completo SPI era a quota 7559.37 (-0,03%). I timori per una riduzione degli stimoli della Fed, la banca centrale americana, sulla scia dell'inatteso calo dei sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti, hanno pesato prima a New York e poi in Asia.

Nuovi impulsi sono attesi nel pomeriggio, quando saranno comunicati i dati sul mercato immobiliare americano e l'indice di fiducia dei consumatori calcolato dall'università del Michigan.

Ieri Wall Street ha chiuso ieri in forte perdita. Il Dow Jones ha registrato una diminuzione di 225,39 punti, pari all'1,47%, e si è fermato a quota 15.112,19. Il Nasdaq è in ribasso dell'1,72% a 3606,12 punti. La Borsa di Tokyo stamane ha terminato le contrattazioni in calo, con l'indice Nikkei 225 che ha ceduto lo 0,75% a 13.650,11 punti.

Sulle principali piazze europee, Milano è partita in flessione dopo la pausa di Ferragosto. Il Ftse Mib registra una perdita dello 0,64% a 17.352 punti. Piatta invece la Borsa di Londra con l'indice Ftse 100 che cede lo 0,04% a 6481,07 punti. In calo anche Francoforte, dove l'indice Dax arretra dello 0,33% a 14.717,16 punti. Parigi ha avviato le contrattazioni stabile, con l'indice Cac 40 a 4093,30 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS