Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Inizio di seduta all'insegna dell'indecisione per la Borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8421,40 punti (-0,02% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in progressione dello 0,12% a 8198,73 punti.

Gli stimoli provenienti da Usa e Asia sono contrastanti. Wall Street si è stabilizzata dopo le perdite della vigilia (Dow Jones +0,06% a 16'256,14 punti, Nasdaq +0,81% a 4112,99 punti), Shangai è avanzata, mentre a Tokyo ha pesato una volta ancora la forza dello yen (Nikkei -2,10% a 14'299,69 punti).

Alcoa ha dato il via ieri sera negli Stati Uniti alla stagione dei trimestrali, presentando conti oltre le previsioni. Gli investitori rimangono però prudenti, in attesa di conoscere altri dati aziendali e con un occhio sempre rivolto ai possibili sviluppi della crisi ucraina.

Sul fronte interno mancano notizie di rilievo e le variazioni nei primi minuti di contrattazione appaiono frazionali. L'unica eccezione è rappresentata da Swisscom (-3,85%), che da oggi è scambiata senza la cedola del dividendo.

L'avvio di giornata è stato tendenzialmente positivo per le altre piazze europee. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax +0,17% a 70606,75 punti), Londra (Ftse 100 +0,21% a 6604,34 punti), Parigi (Cac 40 +0,16% a 4431,96 punti) e Milano (Ftse Mib +0,24%).

SDA-ATS