Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Dopo aver aperto la settimana in ribasso la borsa svizzera ha riguadagnato terreno, arrivando ad azzerare le perdite: alle 11.30 l'indice dei valori guida SMI segnava 6179.75 punti (-0,07% rispetto a venerdì), mentre il listino globale SPI era in flessione dello 0,12% a 5465,60 punti.
Il mercato è stato inizialmente influenzato dalle cattiva chiusura venerdì di Wall Street e dal taglio al rating dell'Irlanda da parte di Moody's: pesano in generale le incertezze sull'ampiezza della ripresa. Importanti indicazioni al riguardo arriveranno questa settimana sul fronte interno dai risultati aziendali di Actelion ABB, Julius Bär, Credit Suisse, Roche, Lonza, e Syngenta.
Dopo un avvio negativo si sono ripresi i bancari UBS (+0,33%) e Credit Suisse (+0,51%), mentre manca il rimbalzo Julius Bär (-0,34%). Sotto la linea rimangono anche gli assicurativi Swiss Re (-0,21%) e Zurich (-0,17%).
Non presentano un indirizzo univoco i difensivi Nestlé (-0,28%), Novartis (invariato) e Roche (+0,62%). Vicino alla parità si muovono i titoli più legati alla congiuntura come ABB (-0,16%) e Holcim (+0,37%). Sempre in quest'ambito si segnalano, nel mercato allargato, Georg Fischer (+2,31%), che ha presentato un semestrale superiore alle attese, e Kühne & Nagel (-4,07%), che ha soddisfatto le aspettative dei mercati senza però offrire sorprese positive.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS