Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha azzerato le perdite nel pomeriggio: alle 15.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 8984,40 punti, in progressione dello 0,05% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI era stabile a 10'162,55 punti.

L'economia americana ha creato in aprile 211'000 posti di lavoro e il tasso di disoccupazione è sceso a 4,4%: entrambi i dati sono migliori di quanto si aspettassero gli esperti.

Sul fronte interno continua a far discutere la decisione di SIX Swiss Exchange di fissare un limite massimo del 18% di ponderazione per ciascun titolo compreso nel paniere del listino principale SMI. Il provvedimento interesserà Nestlé (+0,06%) - che ieri era progredita del 2% accelerando nel finale, senza notizie concrete - e Novartis (+0,06%), ma non il terzo peso massimo Roche (+0,11%): le rispettive capitalizzazioni nell'indice sono infatti del 23%, 19% e 16%.

In negativo rimangono i bancari UBS (-0,57%), Credit Suisse (-0,39%) e Julius Bär (-0,29%): il calo del prezzo del petrolio intacca le speranze di un rialzo dei tassi, la prospettiva su cui si basava la progressione dei titoli negli ultimi tempi. Almeno in parte più dinamico si presenta il comparto assicurativo, con Zurich (-0,22%), Swiss Life (-0,21%) e Swiss Re (+0,56%).

Fra i valori più sensibili ai cicli economici arretrano ABB (-0,66%) e Geberit (-0,20%, mentre si difendono meglio LafargeHolcim (+0,09%) e Adecco (+0,67%). Nel segmento del lusso Swatch (+0,42%) ha superato Richemont (-0,06%), che pure è favorita da una raccomandazione di Royal Bank of Canada.

Syngenta (+0,48%) ha annunciato la riuscita dell'offerta pubblica di acquisto da parte di ChemChina. Completano lo scacchiere delle blue chip Givaudan (-0,16%), Lonza (-0,22%) SGS (-0,22%) e Swisscom (+0,31%).

Nel mercato allargato ha informato sull'andamento degli affari Datacolor (+2,81%). In evidenza è anche Aryzta (+5,78%): in questo caso circolano voci circa una cessione della quota nella francese Picard, mentre altri fanno riferimento a una dritta proveniente da un desk di Credit Suisse.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS