Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera si muove in territorio positivo anche nel pomeriggio. Verso le 15.00 l'indice SMI dei titoli guida segna 6449,50 punti, in aumento dell'1,27% rispetto alla chiusura di ieri. L'indice complessivo SPI è a quota 5662,95 (+1,30%). Negli USA sono stati pubblicati alcuni dati congiunturali, che non hanno però influito sull'andamento dei listini.
Il settore privato americano ha creato a maggio 55.000 posti di lavoro, secondo la stima di Adp, contro i 70'000 attesi dagli economisti. Il dato di aprile è stato riveduto a 65.000 unità da 32.000. Le nuove iscrizioni nei registri dei disoccupati sono diminuite a 453'000 la scorsa settimana, 10'000 in meno della settimana precedente. Gli esperti si attendevano 455'000 nuove iscrizioni. D'altro canto il tasso di produttività del primo trimestre è stato rivisto al ribasso a +2,8% dal +3,6% della prima stima. Le previsioni indicavano una revisione a +3,4%. Infine il costo del lavoro ha segnato un calo dell'1,3%, minore del -1,4% atteso dal mercato.
Tutte le blue chip elvetiche sono in crescita, guidate dal Credit Suisse che sta guadagnando il 3,33%. L'UBS registra un incremento dell'1,31%. Salgono di oltre due punti percentuali Adecco (+2,75%) e Swatch Group (+2,69%).
Quanti ai pesi massimi difensivi, Novartis (+1,14%) e Roche (+1,47%) sono in linea con la media del mercato, mentre Nestlé (+0,37%) è sottotono.

SDA-ATS