Navigation

Borsa svizzera: chiude in deciso rialzo, SMI +1,39%

Chiusura in rialzo per la Borsa svizzera (foto d'archivio) KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 agosto 2020 - 17:45
(Keystone-ATS)

Chiusura in deciso rialzo per la Borsa svizzera: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 10'310,01 punti, in aumento dell'1,39% rispetto a ieri, mentre il listino allargato SPI ha guadagnato l'1,32% a 12'827,74 punti.

I mercati si sono mossi in rialzo nel primo giorno del vertice dell'Opec+. Gli investitori attendono inoltre sviluppi sulle vicende della Bielorussia, mentre sullo sfondo restano ancora i timori per la seconda ondata della pandemia da coronavirus.

A trascinare il listino ci ha pensato Roche (+2,36% a 322,60 franchi), che oggi ha annunciato la collaborazione con Regeneron Pharmaceuticals per un trattamento volto a bloccare l'infettività del nuovo coronavirus Sars-Cov-2, all'origine del Covid-19. Molto ricercati si sono rivelati anche gli altri due pesi massimi difensivi Nestlé (+1,73% a 110,86 franchi) e Novartis (+1,45% a 78,41 franchi).

Bene orientati si sono mostrati pure i bancari Credit Suisse (+2,13% a 10,31 franchi) e UBS (+1,36% a 11,145 franchi). Tra gli assicurativi Swiss Life (+1,33% a 359,10 franchi) si è rivelata leggermente più tonica rispetto a Zurich (+0,98% a 340,10 franchi) e Swiss Re (+0,96% a 73,46 franchi).

Sono invece apparsi più in difficoltà i titoli nel segmento del lusso, con Richemont (+0,50% a 60,06 franchi) che ha fatto comunque meglio di Swatch (-0,40% a 199,60 franchi), maglia nera di giornata e unico titolo al di sotto della soglia di demarcazione.

In ordine sparso hanno chiuso le azioni di società maggiormente dipendenti dalla congiuntura quali ABB (+0,79% a 24,09 franchi), Adecco (+0,99% a 47,95 franchi), Geberit (+0,88% a 524,80 franchi), LafargeHolcim (+0,51% a 43,75 franchi) e Sika (+0,86% a 211,90 franchi).

Tra le altre blue chip si è messa in evidenza Swisscom (+2,23% a 523,00 franchi), mentre ha fatto più fatica Alcon (+0,44% a 55,24 franchi), che ieri ha pubblicato risultati trimestrali al di sotto delle aspettative.

In rialzo, ma senza acuti, hanno chiuso anche Givaudan (+0,79% a 3'804,00 franchi) e SGS (+0,21% a 2'356,00 franchi), che oggi ha reso noto di voler collaborare con HotellerieSuisse per monitorare la pulizia e la disinfezione nel settore alberghiero elvetico.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.