Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo avere toccato un minimo sul mezzogiorno, la Borsa svizzera ha riguadagnato terreno ma si è mossa per tutto il resto della seduta al di sotto della linea di demarcazione, malgrado l'andamento favorevole di Wall Street. Il listino principale SMI ha chiuso a 6457,85 punti, in calo dello 0,08%. L'indice allargato SPI ha terminato a quota 5972,04 (-0,02%).

Fra i titoli difensivi di peso Nestlé ha avuto un impatto negativo: l'azione del gigante alimentare ha perso l'1,00% (a 59,70 franchi). Novartis non ha registrato variazioni (57,45 franchi) e Roche è salita dello 0,35% (a 173,40 franchi). I due giganti bancari hanno invertito tendenza. UBS ha chiuso con un guadagno dello 0,85% (a 10,68 franchi), Credit Suisse dello 0,29% (a 17,05 franchi). Julius Bär è invece scivolata in negativo e ha perso lo 0,79% (a 35,25 franchi). In positivo gli assicurativi Zurich (+0,40% a 223,30 franchi) e Swiss Re (+0,49% a 61,90 franchi).

Quanto ai ciclici, ABB (+0,23% a 17,51 franchi) e Adecco (+0,07% a 45,25 franchi) sono in positivo nonostante i dati congiunturali macroeconomici non soddisfacenti giunti oggi. Geberit è in flessione dello 0,15% (a 193,90 franchi) e Holcim dello 0,91% (a 60,10 franchi). In progressione i titoli del lusso con Swatch Group in crescita dell'1,01% (a 401,50 franchi) e Richemont dello 0,76% (a 59,40 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS