Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Chiusura in lieve rialzo per la borsa svizzera, che grazie al buon andamento di alcuni titoli ad elevata capitalizzazione è apparsa un po' meno fiacca di altre piazze europee. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8825,60 punti (+0,10% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,07% a 8705,49 punti.

Stando agli operatori sul mercato l'atmosfera rimane tuttora positiva, ma gli investitori tendono a muoversi con i piedi di piombo a causa dei focolai di crisi, Ucraina in primis. In assenza di dati macroeconomici americani oggi sono inoltre mancati gli impulsi in grado di orientare decisamente i corsi.

L'attenzione si è quindi concentrata sui singoli titoli. Partita molto bene, ha poi limato i guadagni ABB (+0,47% a 21,56 franchi), che ha annunciato un obiettivo di crescita del fatturato del 4-7% annuo e un programma di riacquisto di azioni. Per Holcim (+0,41% a 73,90 franchi) è giunto il via libera dell'Ue alla fusione delle sue attività in Spagna con Cemex. Più staccati hanno chiuso altri valori particolarmente sensibili alla congiuntura come Adecco (-0,43% a 69,45 franchi) e Geberit (+0,03% a 314,80 franchi).

Nel segmento del lusso Swatch (-0,10% a 500,50 franchi) è rimasta per tutta la giornata in linea con Richemont (-0,11% a 88,40 franchi): il settore aspetta con impazienza di conoscere i nuovi prodotti che saranno presentati in serata da Apple.

In negativo si sono mossi i bancari UBS (-0,61% a 16,38 franchi), Credit Suisse (-0,66% a 25,54 franchi) e Julius Bär (-0,35% a 43,00 franchi), come pure gli assicurativi Swiss Re (-0,91% a 75,90 franchi) - che ha sofferto per un cambiamento di raccomandazione da parte di Credit Suisse - e Zurich (-0,21% a 280,20 franchi).

Ha fortemente contribuito a sostenere il listino Novartis (+0,92% a 87,85 franchi), che ha potuto contare su un giudizio positivo di JPMorgan, mentre hanno convinto di meno gli altri due pesi massimi difensivi Nestlé (-0,28% a 71,45 franchi) e Roche (+0,26% a 271,60 franchi).

Completano il quadro delle blue chip Actelion (-1,26% a 110,00 franchi), Givaudan (-0,52% a 1533,00 franchi), SGS (+0,15% a 2064,00 franchi), Swisscom (+0,09% a 531,50 franchi), Syngenta (-0,09% a 325,30 franchi) e Transocean (+0,32% a 34,90 franchi).

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari nel primo semestre Partners Group (+2,39% a 248,40 franchi), Santhera (+4,82% a 99,95 franchi), Jungfraubahn (+0,61% a 73,95 franchi) e MCH (+1,54% a 66,00 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS