Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Chiusura in lieve rialzo per la borsa svizzera. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 6279,35 punti (+0,22% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,11% a 5543,04 punti. Dopo una mattinata positiva il mercato è virato al ribasso sulla scia degli ultimi dati del mercato del lavoro negli Usa, per poi recuperare nel finale di seduta.
Su tutte le piazze europee hanno pesato - come già ieri - i rinnovati timori sulla tenuta della congiuntura globale, che hanno trovato oggi nuova linfa: le richieste di sussidio disoccupazione negli Usa la settimana scorsa sono salite, contro le previsioni che le vedevano in calo, e anche il bilancio trimestrale dell'americana Cisco è apparso deludente.
Sul fronte interno a sostenere il listino è stata soprattutto Nestlé (+1,95% a 52,40 franchi), che dopo l'ottima semestrale di ieri continua ad interessare gli investitori. Non lontano dalla parità si è mosso un altro difensivi di peso, Roche (+0,14% a 142,00 franchi), mentre Novartis (-0,57% a 52,75 franchi) ha perso colpi nel finale.
Fra i bancari al rialzo UBS (+0,41% a 17,30 franchi), giù invece Julius Bär (-0,42% a 35,25 franchi) e Credit Suisse (-1,05% a 46,90 franchi). Su quest'ultimo istituto stanno convergendo nuove nubi: la procura di Düsseldorf ha infatti inviato a numerosi clienti tedeschi un questionario per sapere se siano stati invitati a evadere il fisco dai consulenti dell'istituto.
Fra gli assicurativi in difficoltà è rimasta per tutta la seduta Swiss Re (-1,75% a 44,28 franchi), mentre Zurich (invariata a 234,50 franchi) ha almeno in parte approfittato di un cambiamento di raccomandazione da parte di Goldman Sachs.
Come ieri hanno sofferto i titoli più legati alla congiuntura, quali ABB (-1,04% a 20,03 franchi), Holcim (-0,90% a 65,80 franchi) e soprattutto Adecco (-2,44% a 52,00 franchi).
Nel mercato allargato, l'interesse era puntato sulle società che hanno pubblicato i bilanci intermedi, vale a dire Geberit (-2,78% a 171,40 franchi), Dufry (+0,57% a 88,25 franchi), Gategroup (+3,80% a 36,90 franchi), Tecan (-4,10% a 69,00 franchi) e Phoenix Mecano (-1,14% a 605,00 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS