Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Di nuovo una giornata positiva per la borsa svizzera, che ha chiuso con una piccola accelerazione finale una seduta trascorsa a lungo incollata alla parità. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 9319,90 punti, in progressione dello 0,26% rispetto a ieri.

Il listino globale SPI è da parte sua avanzato dello 0,19% a 9463,17 punti. Il mercato era confrontato con una certa carenza di impulsi, dopo i guadagni degli scorsi giorni. Gli investitori si sono mostrati prudenti, in attesa della pubblicazione, in serata, dei verbali dell'ultima seduta della Federal Reserve. I documenti potrebbero fornire indicazioni riguardo ai tempi di rialzo dei tassi.

I riflettori erano oggi puntati su UBS (+3,23% a 20,46 franchi), mostratasi brillante grazie alla conclusione lungamente attesa della vertenza negli Usa relativa alle manipolazioni di tassi e libor. I 545 milioni da pagare sono meno di quanto si potesse temere, ha commentato un operatore.

Più staccati hanno chiuso gli altri due bancari, Credit Suisse (+2,07% a 25,12 franchi) - che come UBS si è vista confermare da Fitch il rating A, contrariamente ad altri istituti europei - e Julius Bär (+1,38% a 51,25 franchi). Scarsa unanimità di vedute ha per contro contraddistinto il comparto assicurativo, con Swiss Re (+1,08% a 84,30 franchi) ben più tonica di Zurich (-0,36% a 303,80 franchi).

Poco mossi hanno terminato i valori maggiormente sensibili alla congiuntura come ABB (-0,10% a 20,41 franchi), Adecco (+0,39% a 76,45 franchi), Holcim (+0,07% a 75,35 franchi) - che ha informato sulla soppressione di impieghi in Svizzera - e Geberit (+0,06% a 339,70 franchi). Qualche sussulto in più hanno vissuto Swatch (-0,47% a 400,30 franchi) e Richemont (+0,53% a 86,10 franchi), che venerdì presenterà il risultato dell'esercizio 2014/2015.

Ha accelerato nel pomeriggio Syngenta (+3,73% a 423,20 franchi), dopo le dichiarazioni di un dirigente di Monsanto che si è detto fiducioso di poter superare gli ostacoli di natura cartellistica che si frappongono alla fusione. Non hanno trainato il listino i pesi massimi Nestlé (-0,14% a 73,30 franchi), Novartis (-0,46% a 97,10 franchi) e Roche (-0,22% a 277,70 franchi).

Sarebbe peccato non completare il quadro delle blue chip dimenticando Actelion (+0,23% a 133,30 franchi), SGS (+0,22% a 1844,00 franchi), Swisscom (invariata a 553,00 franchi) e Transocean (+1,23% a 18,10 franchi)

Nel mercato allargato sotto pressione è sembrata Gategroup (-2,64% a 33,25 franchi) alla vigilia della pubblicazione del risultato trimestrale, che gli analisti prevedono in rosso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS