La borsa svizzera chiude la sua terza seduta consecutiva in rialzo, stabilendo un nuovo massimo intraday dell'anno. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 9164,06 punti, in progressione dello 0,40% rispetto a ieri.

Da parte sua il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,33% a 10'696,30 punti.

Il mercato ha guardato ai segnali positivi che giungono nell'ambito della vertenza commerciale in atto fra Stati Uniti e Cina: da domani i colloqui proseguiranno ad alto livello. Gli investitori hanno preferito guardare al bicchiere mezzo pieno invece che a quello mezzo vuoto e l'SMI è così salito in giornata a 9179,46 punti, nuovo primato per il 2019.

Il listino avrebbe potuto fare anche di più, se non fosse stato frenato da Roche (-0,66% a 270,50 franchi), più in difficoltà degli altri due pesi massimi difensivi, Nestlé (+0,32% a 86,68 franchi) - alla vigilia della presentazione dei conti - e Novartis (+0,18% a 89,40 franchi).

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.