Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La borsa svizzera ha chiuso in rialzo una seduta trascorsa per diverse ore in territorio negativo. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 6386,95 punti (+0,42% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,36% a 5631,91 punti.
Dopo aver passato la mattinata in ribasso il mercato elvetico è andato rinfrancandosi nel pomeriggio con la notizia di un aumento delle produzione industriale tedesca in luglio. Una tendenza che si è poi rafforzata alla luce del buon andamento di Wall Street, nonostante il calo negli Usa delle richieste settimanali di mutui ipotecati. Maggiori indicazioni sullo stato della congiuntura americana giungeranno però in serata, quando la Fed pubblicherà il suo Beige Book.
Sul fronte interno l'attenzione era puntata oggi su Swisscom (+0,05% a 397,90 franchi), che ha annunciato l'intenzione di assumere il controllo totale della filiale italiana Fastweb, e su Richemont (+0,45% a 42,05 franchi), che ha reso noto il fatturato dei primi cinque mesi dell'esercizio 2010/2011.
In difficoltà, come già ieri, sono rimasti a lungo i bancari UBS (+0,45% a 17,90 franchi), Credit Suisse (-0,22% a 45,28 franchi) e Julius Bär (-0,21% a 37,92 franchi), che hanno poi almeno in parte recuperato quota sulla scia del miglioramento dell'intero comparto a livello europeo. Sono virati in positivo anche gli assicurativi Swiss Re (+0,09% a 43,45 franchi) e Zurich (+0,60% a 234,50 franchi).
Fra i titoli maggiormente legati alla congiuntura si è mosso bene - dopo una raccomandazione degli analisti - Holcim (+1,49% a 64,50 franchi), che ha fatto meglio di ABB (+0,15% a 20,50 franchi) e soprattutto di Adecco (-0,80% a 49,46 franchi), già in forte calo ieri. Lonza (+1,90% a 88,60 franchi) ha beneficiato forse dell'annuncio di una collaborazione con GlaxoSmithKline.
Con il trascorrere delle ore sono tornati a trainare il listino anche i difensivi Nestlé (+0,46% a 53,05 franchi), Novartis (+0,46% a 54,25 franchi) e Roche (+0,42% a 143,20 franchi). Il rimbalzo non è stato mancato neppure dalla sempre volatile Transocean (+0,55% a 54,75 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS