Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude per quarta seduta consecutiva in rialzo, aggiornando i massimi da due anni: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 9283,74 punti, su dello 0,45% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,49% a 10'592,13 punti.

Gli operatori hanno parlato di una favorevole atmosfera di fondo, dovuta anche al fatto che l'ultimo trimestre - appena cominciato - è tradizionalmente il migliore sui mercati finanziari. Wall Street rimane su livelli record e anche le borse asiatiche si sono mostrate toniche.

La giornata si è presentata peraltro un po' più tranquilla del solito complice la festività in Germania, con il mercato di Francoforte chiuso. In Svizzera l'SMI è salito ai massimi dall'agosto 2015, ma soprattutto è uscito dalla fascia degli 8800-9200 punti in cui era bloccato da mesi. A questo punto non viene più nemmeno escluso un assalto al record di tutti i tempi di 9548 punti risalente al 2007.

Il mercato elvetico sembra approfittare anche degli sviluppi in Catalogna. Dopo il referendum si temono infatti nuove tensioni sul fronte valutario europeo e le azioni elvetiche, in franchi, rappresentano un porto più sicuro agli occhi degli investitori.

Per quanto riguarda i singoli titoli sorvegliata speciale era Adecco (-0,72% a 75,55 franchi), che ha rilevato l'americana Mullin International. Meglio orientati sono apparsi altri valori particolarmente sensibili alla congiuntura come ABB (+0,45% a 24,29 franchi), LafargeHolcim (+1,35% a 56,50 franchi), Sika (+0,82% a 7350,00 franchi) e Geberit (+0,20% a 459,80 franchi). Nel segmento del lusso Richemont (+1,41% a 89,75 franchi) si è fatta preferire a Swatch (-0,47% a 403,10 franchi).

Hanno ritrovato vigore i bancari UBS (+0,54% a 16,70 franchi), Credit Suisse (+0,78% a 15,47 franchi) e Julius Bär (+0,96% a 57,90 franchi), che ieri avevano almeno in parte sofferto per l'insicurezza politica creata dai venti indipendentisti catalani. Nello stesso comparto finanziario hanno offerto accenti diversi gli assicurativi Zurich (+0,17% a 295,80 franchi), Swiss Re (+0,91% a 88,65 franchi) e Swiss Life (+0,88% a 345,60 franchi).

In ordine sparso hanno chiuso i pesi massimi difensivi Nestlé (+1,15% a 83,30 franchi), Novartis (+0,06% a 84,25 franchi) e Roche (-0,32% a 249,60 franchi). Completano il quadro dei 20 titoli principali Givaudan (+0,52% a 2111,00 franchi), Lonza (+0,04% a 257,90 franchi), SGS (+0,39% a 2319,00 franchi) e Swisscom (-0,12% a 495,40 franchi).

Nel mercato allargato va segnalato il balzo di Addex (+13,64% a 2,25 franchi), dopo l'annuncio di un contributo di 5,3 milioni di dollari da parte delle autorità sanitarie americane per uno studio sull'impiego di un suo preparato contro l'abuso di cocaina. Sonova (+3,09% a 173,30 franchi) ha approfittato di una raccomandazione di Deutsche Bank, mentre Orascom (+8,70% a 8,75 franchi) ha beneficiato di un rinnovato interesse per le prenotazioni di turisti in Egitto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS