Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seduta positiva per la borsa svizzera, che ha chiuso comunque lontana dai massimi di giornata: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8760,95 punti, in progressione dello 0,64% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI è salito dello 0,71% a 8928,39 punti.

Il mercato è stato favorito dalla ripresa delle piazze cinesi e da dati congiunturali inaspettatamente buoni provenienti dalla Germania: in luglio le esportazioni della locomotiva europea sono salite di oltre il 2%. Nell'Eurozona è stata inoltre rivista al rialzo la crescita del secondo trimestre, ora al +0,4%.

Questo ha messo le ali a diversi titoli, un movimento favorito anche dal mercato dei cambi, con il franco che si è indebolito nei confronti dell'euro - il cui corso è tornato sopra 1,09 - e del dollaro.

"Dopo le massicce vendite delle scorse settimane il mercato era maturo per un rimbalzo di natura tecnica", ha spiegato un operatore alla Reuters. L'SMI è arrivato così a guadagnare fino all'1,5%, ma nel finale ha perso un po' di vigore, nonostante il buon andamento di Wall Street, ieri chiusa per festività.

Per quanto riguarda i singoli titoli acquisti sono stati segnalati su ABB (+3,17% a 18,54 franchi), alla vigilia della giornata degli investitori: si spera in annunci importanti. Incoraggiante è risultato l'andamento anche di altri valori particolarmente sensibili alla congiuntura come Adecco (+1,27% a 76,05 franchi), Geberit (+0,49% a 305,10 franchi) o - nel segmento del lusso - Swatch (+1,18% a 376,20 franchi) e Richemont (+1,77% a 71,70 franchi).

Il sole splendeva oggi anche su Transocean (+2,96% a 13,20 franchi). In controtendenza si è mossa è invece LafargeHolcim (-2,98% a 56,90 franchi), debole a causa del cambiamento dei diritti per il dividendo.

In forte crescita sono rimasti per tutta la giornata i bancari UBS (+1,43% a 19,90 franchi) e Credit Suisse (+2,73% a 26,00 franchi), più tonici di Julius Bär (+0,02% a 45,56 franchi). Swiss Re (+1,21% a 83,65 franchi) e Zurich (+1,11% a 263,00 franchi) hanno confermato il momento favorevole ai valori finanziari.

Poco mossi hanno chiuso i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,14% a 71,25 franchi), Novartis (+0,05% a 93,50 franchi) e Roche (-0,08% a 260,20 franchi). Per completare lo scacchiere delle blue chip vanno menzionate Actelion (+0,23% a 133,30 franchi), SGS (+1,29% a 1723,00 franchi), Swisscom (+0,39% a 518,00 franchi) e Syngenta (+1,17% a 337,10 franchi).

Nel mercato allargato balzo di Partners Group (+5,68% a 330,00 franchi), che ha pubblicato risultati semestrali superiori alle previsioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS