Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera si è mossa in territorio positivo durante tutta la seduta, perdendo però vigore sul finale parallelamente all'andamento di Wall Street. L'indice SMI dei titoli guida ha chiuso a quota 6418,82, in aumento dello 0,79%. L'indice allargato SPI ha terminato la giornata in crescita dello 0,85% a 5637,74 punti.
Dopo la diffusione dell'indice Ism che monitora l'andamento del comparto dei servizi negli Stati Uniti, rimasto in maggio a 55,4, contro previsioni a quota 55,6, i listini sono leggermente ripiegati. In precedenza negli USA erano stati pubblicati alcuni altri dati congiunturali, che non hanno però influito sull'andamento dei mercati.
Tra i pesi massimi difensivi, Novartis (+0,95% a 53,35 franchi) e Roche (+1,10% a 164,70 franchi) sono in linea con la media del mercato, mentre Nestlé (+0,37% a 53,75 franchi) è sottotono. Stamane Novartis ha annunciato risultati positivi del farmaco Afinitor nei test su pazienti con un tumore neuroendocrino al pancreas in fase avanzata. Nell'indice SMI si è messo in luce in particolare Swatch Group (+2,89% a 313,50 franchi).
Quanto ai valori bancari, il Credit Suisse è avanzato dell'1,04% (a 44,65 franchi), l'UBS dello 0,20% (a 15,35 franchi) e la Julius Bär dello 0,93% (a 33,59 franchi). Fra gli assicurativi, Zurich Financial ha registrato una crescita dello 0,96% (a 241,10 franchi), Swiss Life dello 0,49% (a 123,10 franchi), mentre Swiss Re è invariata (47,24 franchi). Di stamane la notizia che Swiss Life uscirà dal listino principale. Dal 21 giugno sarà sostituita da Transocean, il gruppo proprietario della piattaforma petrolifera esplosa in aprile nel Golfo del Messico, gestita dal gruppo britannico BP.

SDA-ATS