Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera, già in territorio positivo nel primo pomeriggio, ha allungato il passo dopo la pubblicazione di dati macroeconomici americani e sulla scia dell'andamento favorevole di Wall Street. Il listino principale SMI ha terminato la seduta a quota 6496,33, in aumento dello 0,86%. L'indice allargato SPI è salito a 5613,19 punti (+0,77%).
In particolare oggi è stato comunicato che l'indice Ism del comparto manifatturiero negli Stati Uniti in gennaio è salito a 58,4 punti contro i 55,5 previsti dagli analisti. Inoltre la Casa Bianca ha riveduto al rialzo le stime sulla crescita del Pil americano, dal +2% al +2,7% per quest'anno.
Durante la giornata sul mercato aveva pesato la performance negativa dell'azione UBS, che sul finale di seduta ha però recuperato terreno. L'azione è uscita dagli scambi a 14,21 franchi (+1,28%), dopo avere segnato un minimo a 13,62 franchi. Secondo gli operatori, i titoli hanno risentito delle notizie a proposito del conflitto fiscale con gli Stati Uniti e sul furto di dati bancari. La cancelliera tedesca Angela Merkel si è detta favorevole all'acquisto dei dati che sono stati offerti al suo governo in merito a presunti evasori fiscali con conti in Svizzera. In un'intervista pubblicata dal domenicale romando "Le Matin Dimanche", la ministra della giustizia Eveline Widmer-Schlumpf ha d'altro canto rammentato le drammatiche conseguenze per l'UBS qualora i colloqui con gli Stati Uniti relativi alla consegna di dati di clienti della banca dovessero fallire.
Il Credit Suisse ha registrato un balzo del 2,88% a 47,89 franchi, mentre la Julius Bär è di poco al di sopra della parità (+0,09% a 35,29 franchi). Fra le blue chip assicurative Swiss Re è avanzata del 2,56% (a 47,70 franchi), Zurich Financial del 2,15% (a 232,50 franchi). Contenuta invece la crescita di Swiss Life (+0,22% a 135,40 franchi).
Nestlé è in progresso dello 0,40%(a 50,70 franchi). Quanto ai giganti farmaceutici, Novartis ha segnato un incremento dello 0,70% (a 57,25 franchi), Roche dello 0,39% (a 179,20 franchi). Quest'ultima presenterà mercoledì il bilancio 2009. Giovedì sarà la volta di Zurich Financial e venerdì di Julius Bär e Syngenta.
Nel listino allargato la Bucher è in discesa del 4% (a 120 franchi). Il fatturato dell'impresa nel 2009 è diminuito del 25% e i vertici si sono espressi con prudenza circa il futuro, hanno rilevato gli operatori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS