Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La settimana parte con una seduta in rialzo alla Borsa svizzera. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 9196,55 punti, in progressione dello 0,95% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,85% a 9350,06 punti.

In una giornata sostanzialmente povera di impulsi la piazza elvetica è apparsa ancora una volta particolarmente sensibile al mercato delle divise, prendendo atto con favore del rafforzamento del dollaro. Ma fra gli investitori non domina certo l'euforia: pesano infatti le incognite relative alla ripresa americana e ai negoziati in corso ormai da mesi per garantire la permanenza della Grecia nell'Eurozona.

Sul fronte interno scarseggiavano le notizie di rilievo. Hanno trainato il listino per tutta la giornata Novartis (+1,74% a 96,55 franchi) - che rimbalza dopo le perdite della settimana scorsa - e Roche (+1,24% a 277,00 franchi), mentre un po' meno ispirato è apparso il terzo peso massimo difensivo, Nestlé (+0,63% a 72,30 franchi).

Nel comparto bancario Credit Suisse (-0,65% a 24,30 franchi) - penalizzata dalle incertezze relative alla fase di transizione ai vertici, con il passaggio di consegne dal CEO Brady Dougan a Tidjane Thiam - ha arrancato dietro a UBS (+0,88% a 19,53 franchi), che è stata favorita da un giudizio di Barclays, e Julius Bär (+0,36% a 50,00 franchi). Si sono mossi poco gli assicurativi Swiss Re (+0,43% a 82,25 franchi) e Zurich (+0,23% a 299,80 franchi).

Bene orientati si sono rivelati i valori maggiormente dipendenti dalla congiuntura quali ABB (+0,84% a 20,51 franchi), Adecco (+0,20% a 74,80 franchi), Geberit (+0,45% a 332,90 franchi) e Holcim (+0,61% a 74,80 franchi). In evidenza nel segmento del lusso Swatch (+3,06% a 397,30 franchi), più tonica di Richemont (+0,72% a 84,20 franchi) grazie a una raccomandazione di Credit Suisse.

Transocean (-1,33% a 18,60 franchi) si è confermata volatile. Swisscom (-0,82% a 545,00 franchi) ha sofferto per un cambiamento di obiettivo di corso da parte di Barclays. Il quadro delle blue chip non sarebbe completo se si dimenticassero Actelion (+0,85% a 130,60 franchi), Givaudan (+1,10% a 1753,00 franchi) e SGS (+0,55% a 1836,00 franchi).

Nel mercato allargato gli occhi erano di nuovo puntati su Sika (+2,50% a 3193,00 franchi), dopo che la fondazione Bill Gates ha impugnato la clausola di opting out nell'ambito dell'acquisizione da parte di St. Gobain. Acquisti sono stati segnalati su Meyer Burger (+5,22% a 7,86 franchi), con gli investitori che sperano in un aumento dei prezzi degli equipaggiamenti solari nella seconda parte dell'anno. Va infine menzionata Vontobel (+3,82% a 42,15 franchi), che ha approfittato di una valutazione di Citigroup.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS