Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Chiusura in rialzo per la borsa svizzera, la terza consecutiva questa settimana: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8871,92 punti, in progressione dell'1,27% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha guadagnato l'1,18% a 9033,84 punti.

Dopo tre settimane difficili sembra essere tornato il sereno sul mercato, grazie a una netto miglioramento della situazione in Asia. La borsa di Tokyo ha vissuto la migliore giornata dal 2008, mentre dalla Cina è arrivata la notizia di misure di stimolo dell'economia, ciò che ha stabilizzato le piazze del paese.

Si sta facendo largo l'opinione che la correzione delle precedenti sedute è stata eccessiva e le paure riguardo alla tenuta della congiuntura cinese sembrano essere passate in secondo piano. Ma a dispetto del ritrovato ottimismo c'è chi all'orizzonte vede cristallizzarsi i presupposti per la prossima bufera: non vi è infatti alcuna chiarezza sulla politica monetaria americana. Presto la Federal Reserve deciderà se alzare i tassi o se lasciarli immutati: vi sono buoni motivi per sostenere entrambi gli orientamenti e le turbolenze non sono escluse.

Nelle prime ore Wall Street è apparsa prudente e questo movimento ha influito anche su Zurigo: l'SMI ha così un po' frenato nel finale, dopo essere arrivato a guadagnare oltre il 2%. I volumi di contrattazione sono risultati in crescita rispetto a ieri.

Per quanto riguarda i singoli titoli sorvegliata speciale è rimasta per tutta la seduta ABB (-0,05% a 18,53 franchi), che nella sua giornata degli investitoti ha annunciato risparmi per 1 miliardo di dollari all'anno entro il 2017, ma nel contempo costi di ristrutturazione una tantum di 1,2 miliardi. Rimanendo fra i valori maggiormente sensibili alla congiuntura LafargeHolcim (+2,72% a 58,45 franchi) ha approfittato di una raccomandazione di Goldman Sachs e si è dimostrata più dinamica di Adecco (+0,73% a 76,20 franchi) e Geberit (+1,25% a 308,90 franchi).

In netto recupero dopo i recenti tempi di magra è apparsa Transocean (+7,73% a 14,22 franchi), dopo che il numero uno Jeremy Thigpen ha rilasciato dichiarazioni ottimistiche circa il futuro del gruppo. Nel segmento del lusso Richemont (+1,05% a 72,45 franchi) ha offerto una performance leggermente migliore di Swatch (+0,80% a 379,20 franchi).

Fra i bancari UBS (+2,06% a 20,31 franchi) ha guidato le danze davanti a Credit Suisse (+0,73% a 26,19 franchi) e Julius Bär (1,21% a 46,11 franchi). Ai medesimi livelli si sono mossi anche gli assicurativi Swiss Re (+0,84% a 84,35 franchi) e Zurich (+1,52% a 267,00 franchi). Nonostante un certo ripiegamento nel finale hanno fornito un importante contributo al buon andamento del listino i pesi massimi Nestlé (+1,68% a 72,40 franchi), Novartis (+1,39% a 94,80 franchi) e Roche (+0,73% a 262,10 franchi).

Completano il quadro delle blue chip Actelion (+1,13% a 134,80 franchi), Givaudan (+0,42% a 1671,00 franchi), SGS (+1,80% a 1754,00 franchi), Syngenta (+0,50% a 338,80 franchi) e Swisscom (+0,58% a 521,00 franchi).

Nel mercato allargato balzo di Santhera (+5,54% a 99,00 franchi), grazie a un'autorizzazione nell'Ue per il suo medicinale Raxone. Hanno informato sull'andamento degli affari Dorma+Kaba (-0,31% a 638,00 franchi) e Jungfraubahn (+1,65% a 86,50 franchi).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS