Navigation

Borsa svizzera: chiude in rialzo, SMI +1,77%

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2012 - 17:45
(Keystone-ATS)

Inizio di settimana in chiaro rialzo per la borsa svizzera: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 6610,91 punti (+1,77% rispetto a venerdì), mentre il listino globale SPI ha guadagnato l'1,68% a 6111,71 punti.

Sul fronte aziendale le notizie di rilievo scarseggiavano, mentre su quello macroeconomico da Cina, Giappone e Europa - disoccupazione record in agosto - non sono mancati i segni di rallentamento. Vi è quindi molta attesa per i diversi dati congiunturali che saranno pubblicati nel corso della settimana negli Usa. Un impatto notevole potrebbe avere il rapporto sul mercato del lavoro, in agenda venerdì.

Per quanto riguarda i singoli titoli buono è risultato l'andamento dei bancari UBS (+2,18% a 11,70 franchi), Credit Suisse (+3,36% a 20,60 franchi) e Julius Bär (+2,35% a 33,57 franchi), come pure degli assicurativi Swiss Re (+1,49% a 61,35 franchi) e Zurich (+2,31% a 239,60 franchi).

In solida progressione hanno terminato anche i valori maggiormente dipendenti dalla congiuntura come ABB (+1,81% a 17,96 franchi), Adecco (+4,11% a 46,60 franchi) e Holcim (+1,84% a 61,00 franchi), nonché - nel segmento del lusso - Swatch (+1,87% a 382,20 franchi) e Richemont (+1,95% a 57,50 franchi). Transocean (+4,53% a 43,85 franchi) ha approfittato della notizia dell'annullamento dello stop alla produzione in Brasile deciso da una corte di Rio.

Alcuni elementi emersi da uno studio riguardante il farmaco tumorale Herceptin hanno favorito Roche (+2,33% a 179,80 franchi), più tonica degli altri due pesi massimi difensivi Nestlé (+1,18% a 60,00 franchi) e Novartis (+1,22% a 58,25 franchi).

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?