Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scatta l'ora del recupero alla borsa svizzera, che nell'ultima seduta settimanale ha azzerato completamente le perdite delle precedenti giornate negative.

L'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 9093,33 punti, in progressione del 2,48% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha guadagnato il 2,25% a 9234,40 punti.

Come le altre piazze europee il mercato ha preso atto con molto favore degli ultimi positivi dati sul mercato del lavoro americano, dopo che di recente erano aumentati i timori riguardo a un rallentamento congiunturale. In Europa la chiara vittoria dei conservatori di David Cameron in Gran Bretagna toglie un fattore di incertezza. E in Asia i deboli dati sul commercio estero cinese ravvivano le speranze di un intervento della banca centrale per stimolare l'economia.

Sul fronte interno i riflettori erano puntanti su Syngenta (+19,30% a 396,90 franchi): il gruppo agrochimico ha ricevuto un'offerta di acquisizione da parte di Monsanto, che propone 449 franchi per azione. Secondo il consiglio di amministrazione essa è però troppo bassa. Per gli analisti l'unione avrebbe senso e non è da escludere che Monsanto alzi la posta.

In forte progressione ha terminato anche Holcim (+2,54% a 74,70 franchi), dopo il chiaro via libera dell'assemblea generale alla fusione con Lafarge. Il sole è peraltro tornato a splendere anche su altri valori particolarmente dipendenti dalla congiuntura come ABB (+3,35% a 20,39 franchi) e Geberit (+1,76% a 330,20 franchi).

Adecco (+2,86% a 72,00 franchi) ha rimbalzato dopo le forti perdite subite alla vigilia, nonostante buoni trimestrali, sulla scia dell'annuncio della partenza di CEO e CFO. All'ombra di Syngenta è salita notevolmente anche Actelion (+5,76% a 128,60 franchi), altro gruppo considerato molto appetibile per grandi società. Nel segmento del lusso Richemont (+2,43% a 82,35 franchi) ha approfittato della corrente generale, mentre una volta ancora sotto tono è apparsa Swatch (+0,95% a 394,40 franchi).

Un po' meno effervescenti della media si sono rivelati i bancari UBS (+0,61% a 19,81 franchi), Credit Suisse (+1,16% a 24,35 franchi) e Julius Bär (+1,85% a 48,35 franchi). Nel comparto assicurativo Swiss Re (+0,06% a 82,20 franchi) ha arrancato dietro a Zurich (+1,97% a 295,20 franchi). Bene orientati sono rimasti per tutta la giornata i pesi massimi difensivi Nestlé (+1,68% a 72,55 franchi), Novartis (+2,24% a 95,65 franchi) e Roche (+2,54% a 266,10 franchi).

In contro tendenza rispetto al resto dei 20 principali titoli ha chiuso la sempre volatile Transocean (-0,12% a 16,98 franchi). Lo scacchiere delle blue chip non sarebbe completo se non si menzionassero anche Givaudan (+1,09% a 1757,00 franchi), SGS (+0,39% a 1815,00 franchi) e Swisscom (+0,64% a 553,50 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS