Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata positiva per la borsa svizzera. L'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 6265,50 punti (+1,02% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha guadagnato l'1,03% a 5804,51 punti.

A livello globale i mercati rimangono sul chi vive e continuano a temere il rallentamento dell'economia planetaria. Ma negli Usa la maggior parte dei risultati aziendali finora pubblicati ha sorpreso in positivo e anche il settore immobiliare ha oggi dato segnali di ripresa.

Dal presidente della Fed, Ben Bernanke, che ieri e oggi si esprime davanti a commissioni parlamentari, non è giunto un chiaro segnale di allentamento della politica monetaria, ma molti osservatori ritengono che l'istituto d'emissione finirà per intervenire se la situazione lo richiederà. Dopo aver aperto in flessione, Wall Street è perciò girata in positivo, favorendo le piazze del vecchio continente.

In Svizzera per contro l'attenzione era oggi concentrata su Credit Suisse (+4,49% a 17,91 franchi): l'annuncio a sorpresa di un nuovo programma di risparmi e di un aumento di fondi propri ha convinto gli investitori. Per quanto riguarda gli altri bancari ben posizionata è risultata Julius Bär (+2,21% a 34,68 franchi), mentre più turbolenta è stata la seduta di UBS (+1,26% a 10,48 franchi), che alla fine è comunque riuscita a chiudere bene. Sempre più tonici con il passare delle ore si sono rivelati gli assicurativi Swiss Re (+0,58% a 60,70 franchi) e Zurich (+1,06% a 218,50 franchi).

In ordine sparso si sono presentati i valori maggiormente legati ai cicli congiunturali come ABB (-1,19% a 15,83 franchi) e Adecco (+2,20% a 42,67 franchi), mentre assai dinamico è apparso il segmento del lusso, con Richemont (+3,05% a 52,30 franchi) e Swatch (+3,52% a 365,10 franchi). In un'intervista il numero uno del gruppo orologiero di Bienne, Nick Hayek, ha confermato gli ambiziosi obiettivi di crescita del fatturato. Hanno accelerato nel finale i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,59% a 59,20 franchi), Novartis (+0,55% a 55,05 franchi) e Roche (+0,95% a 170,80 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS