Tutte le notizie in breve

Partita stamani in ribasso la Borsa svizzera non è riuscita a trovar slancio e ha chiuso in calo: l'indice guida SMI ha ceduto lo 0,19% a 8'569,36 punti e quello allargato SPI lo 0,16% a 9'385,30 punti.

Gli investitori continuano ad esser prudenti. A pesare non sono i dati congiunturali (oggi la Germania ha annunciato che il Pil tedesco è migliorato nel 2016 dell'1,9%), ma piuttosto la situazione politica e l'attesa del provvedimento sulle tasse annunciato dal presidente degli Usa Donald Trump.

Gli occhi erano puntati in particolare su Swiss Re (-1,56% a 91,50 franchi) che stamani ha reso noto di aver chiuso il 2016 con un utile netto in calo del 23% su base annua, a 3,6 miliardi di dollari (la medesima somma in franchi) in seguito ad un aumento dei danni dovuti a catastrofi naturali.

Per quanto riguarda gli altri assicurativi: Zurich ha ceduto lo 0,29% a 279,10 franchi e Swiss Life lo 0,03% a 317,90 franchi.

Contrastati i titoli più legati alla congiuntura: ABB (-0,43% a 22,93), Adecco (invariata a 71,30), Geberit (+0,30% a 430,90) e LafargeHolcim (-1,13% a 56,90).

Per quanto riguarda i bancari, UBS ha fatto un passo indietro dello 0,45 a 15,63 franchi, CS ha ceduto lo 0,77% a 15,40. Ha fatto meglio Julius Baer (+0,65% a 49,39 franchi).

Sul fronte dei pesi massimi difensivi, Nestlé ha guadagnato lo 0,67% a 74,80, mentre Novartis ha ceduto lo 0,26% a 77,60 franchi e Roche lo 0,49% a 245,10. Hanno spinto al ribasso anche i titoli legati ai prodotti del lusso: Richemont ha ceduto l'1,11% a 75,85 e Swatch si è fermata a -0,38% a 345,20.

Sul mercato allargato c'è da segnalare Bell (-7,68% a 438,50) che ha realizzato nel 2016 un utile netto in crescita del 6,1% a 100,6 milioni di franchi. Cembra Money Bank avanza invece del 5,15% a 83,75 franchi. L'istituto specializzato nei crediti al consumo, nel leasing e nelle carte di credito, ha ottenuto nel 2016 un utile netto di 143,7 milioni di franchi, in calo dell'1% su un anno.

Oggi ha annunciato i dati anche Implenia (-2,53% a 75,05 franchi). Il più grande gruppo svizzero attivo nel settore della costruzione, ha realizzato nel 2016 un utile netto consolidato di 64,4 milioni di franchi, in crescita del 23,9% rispetto al 2015.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve