Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha iniziato la settimana con una seduta in lieve ribasso. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8310,99 punti, in flessione dello 0,11% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,07% a 8604,92 punti.

A pesare sull'umore degli investitori sono stati il timore di un rallentamento economico in Cina, dati congiunturali deludenti provenienti dagli Usa e il nuovo calo del prezzo del petrolio. Gli investitori rimangono assai prudenti perché alla luce dei molti indicatori aziendali e macro previsti questa settimana i corsi sono destinati a rimanere volatili. Il mercato non sembra quindi voler confermare la timida ripresa avviata la settimana scorsa.

Sul fronte interno gli occhi erano puntati su Julius Bär (-2,73% a 42,07 franchi), che ha pubblicato i conti relativi al 2015. A preoccupare gli analisti è soprattutto il calo dei ricavi nel secondo semestre: considerato l'inizio 2016 negativo delle borse il timore è che il trend possa proseguire. Credit Suisse (-2,56% a 17,54 franchi) è stata chiamata alla cassa negli Usa per la vicenda delle dark pool. È scivolato all'indietro anche il terzo bancario, UBS (-0,89% a 16,68 franchi), che domani informerà sull'andamento degli affari. Non lontano si sono attestati anche gli assicurativi Swiss Re (-0,74% a 94,10 franchi) e Zurich (-0,58% a 224,50 franchi).

Per la gran parte in rosso hanno terminato i i titoli maggiormente dipendenti dalla congiuntura come ABB (-0,17% a 17,54 franchi), LafargeHolcim (-1,82% a 42,14 franchi) - un articolo di stampa dà il presidente Wolfgang Reitzle in procinto di partire - e Adecco (-0,96% a 61,90 franchi), mentre si è difesa meglio Geberit (+0,47% a 363,50 franchi). Nel segmento del lusso appena più tonica di Richemont (-0,38% a 66,00 franchi) è apparsa Swatch (-0,03% a 348,30 franchi): il CEO Nick Hayek ha parlato di una possibile entrata in borsa della controllata Belenos.

Fin da subito ha trainato il listino Nestlé (+0,53% a 75,60 franchi), mentre Novartis (invariata a 78,50 franchi) si è defilata e Roche (+0,15% a 264,30 franchi) ha ritrovato energia solo nel finale. Transocean (-3,84% a 10,03 franchi) ha seguito come spesso accade i saliscendi del prezzo del greggio. In evidenza è apparsa Syngenta (+0,67% a 378,40 franchi), che mercoledì presenterà il bilancio: ma l'interesse sarà rivolto soprattutto a eventuali novità in ambito di fusioni.

Completano lo scacchiere delle blue chip Actelion (+0,89% a 135,30 franchi), Givaudan (+0,05% a 1908,00 franchi), SGS (-1,26% a 1958,00 franchi) e Swisscom (-0,30% a 506,00 franchi).

Nel mercato allargato il fatturato 2015 di Gurit (-0,10% a 519,50 franchi), comunicato venerdì a mercati chiusi, è stato accolto inizialmente bene, ma l'azione è andata poi spegnendosi. Kuoni (-4,56% a 303,50 franchi) ha sofferto per i realizzi di guadagno, dopo che la settimana scorsa il titolo aveva beneficiato della conferma di trattative per un'acquisizione da parte della svedese EQT.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS