Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude la settimana con una seduta in lieve ribasso. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 9446,17 punti, in flessione dello 0,14% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,09% a 9558,38 punti.

Il mercato si è concesso una pausa dopo sette sedute consecutive di rialzi, che lo hanno portato a sfiorare i suoi massimi pluriennali. Il tema Grexit sta passando in secondo piano - l'indice di volatilità VSMI è calato ai minimi da maggio - e si torna a parlare maggiormente dei fondamentali delle singole azioni. I dati congiunturali americani pubblicati nel pomeriggio non hanno influenzato i corsi.

Sul fronte interno l'attenzione era concentrata su Givaudan (+3,98% a 1750,00 franchi) e su SGS (+0,83% a 1817,00 franchi), che hanno presentato i semestrali. Il gruppo attivo negli aromi e nei profumi ha chiaramente superato le attese degli analisti. Per SGS a convincere sono state invece soprattutto le prospettive per il futuro.

Anche oggi è continuata a salire Swatch (+1,92% a 414,50 franchi), già ieri assai tonica dopo i risultati dei primi sei mesi, grazie anche ai cambiamenti di raccomandazione di alcune banche. Nello stesso segmento del lusso non è riuscita a tenere il passo Richemont (+0,38% a 80,20 franchi).

Più difficile è risultata la seduta per i valori maggiormente sensibili alla congiuntura come ABB (-0,15% a 19,93 franchi), Adecco (-0,24% a 81,50 franchi), Geberit (-0,19% a 323,50 franchi) e soprattutto LafargeHolcim (-1,13% a 74,65 franchi). Molto negativa si è rivelata la sempre volatile Transocean (-6,18% a 13,37 franchi).

Sotto la riga si sono mossi anche i bancari UBS (-0,18% a 21,60 franchi) e Credit Suisse (-1,58% a 27,39 franchi), su cui ha pesato un giudizio negativo di Deutsche Bank, mentre ha resistito alla corrente generale Julius Bär (invariata a 54,10 franchi). Hanno marciato più o meno sul posto gli assicurativi Swiss Re (+0,23% a 87,95 franchi) e Zurich (+0,07% a 305,00 franchi).

Bene orientata è apparsa Nestlé (+0,55% a 73,00 franchi), mentre non hanno aiutato il listino gli altri due pesi massimi difensivi, Novartis (-0,10% a 101,40 franchi) e Roche (-1,06% a 279,50 franchi). Per completare il quadro delle blue chip vanno menzionate ancora Actelion (-0,07% a 146,10 franchi), Swisscom (+0,36% a 557,00 franchi) e Syngenta (-0,22% a 407,00 franchi).

Nel mercato allargato spazio ai semestrali di BB Biotech (+0,40% a 316,00 franchi). Georg Fischer (-0,78% a 640,00 franchi) ha annunciato la creazione di una joint venture con la canadese Linamar.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS