Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ancora una seduta negativa per la borsa svizzera, che ha chiuso comunque in netto recupero rispetto ai minimi di giornata. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8873,55 punti, in flessione dello 0,17% .

Stesso arretramento per il listino globale SPI, attestatosi a 9031,03 punti.

Un mercato apparso assai nervoso, con un indice di volatilità in netta progressione e volumi di contrattazione superiori alla media è arrivato a perdere in mattinata circa il 2%, scendendo al livello più basso da metà febbraio. Nel pomeriggio è però poi riuscito a risollevarsi, grazie in particolare al colpo di reni proposto dai valori difensivi e da quelli bancari.

A gelare gli investitori sono i timori relativi a un rallentamento della congiuntura globale, le dichiarazioni della presidente della Federal Reserve americana Janet Yellen riguardo alle valutazioni elevate dei listini azionari e le incognite legate alle elezioni in Gran Bretagna.

La pressione viene anche dal fronte delle divise, con il franco che è tornato a mostrare muscoli che molti vorrebbero non avesse: l'euro è tornato a sfiorare 1,03 franchi e il dollaro è arrivato a costare meno di 91 centesimi. Stando agli operatori gli aumenti di corso degli ultimi mesi sono anche una conseguenza del rafforzamento della moneta americana: se questa si indebolisce gli investitori realizzano i guadagni.

Per quanto riguarda i singoli titoli, l'arretramento più sensibile è stato mostrato da Adecco (-6,23% a 70,00 franchi): colpa non dei trimestrali - il fatturato è stato considerato un po' debole, ma gli utili hanno battuto le attese - bensì della doppia partenza di CEO e CFO, che crea incertezza.

Si sono per contro risollevati dai minimi di seduta altri titoli particolarmente sensibili alla congiuntura come ABB (-0,30% a 19,73 franchi), Geberit (-0,12% a 324,50 franchi) e Holcim (-0,41% a 72,85 franchi). Nella palude è per contro rimasto per tutta la seduta il segmento del lusso, con Swatch (-4,82% a 390,70 franchi) ancora più in difficoltà di Richemont (-1,53% a 80,40 franchi). Vendite sono state segnalate anche su Transocean (-4,01% a 17,00 franchi), che ha annunciato un altro trimestre in rosso.

Hanno terminato in ordine sparso i bancari Credit Suisse (+0,25% a 24,07 franchi), UBS (+2,29% a 19,69 franchi) - che teneva oggi l'assemblea generale - e Julius Bär (-0,57% a 47,47 franchi). Nel comparto assicurativo Zurich (+0,45% a 289,50 franchi) ha presentato cifre per i primi tre mesi superiori alle previsioni ed è apparsa più ispirata di Swiss Re (-0,12% a 82,15 franchi).

Hanno sostenuto il listino Nestlé (+0,28% a 71,35 franchi) e Novartis (+0,21% a 93,55 franchi), mentre si è defilato il terzo peso massimo difensivo, Roche (-1,14% a 259,50 franchi). Swisscom (-0,09% a 550,00 franchi) ha confermato il trend negativo avviato ieri dopo i trimestrali.

Il quadro delle blue chip non sarebbe completo se si dimenticassero Actelion (+0,66% a 121,60 franchi) Givaudan (-0,11% a 1738,00 franchi), SGS (+0,11% a 1808,00 franchi) e Syngenta (-0,45% a 332,70 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS