Navigation

Borsa svizzera: chiude in ribasso, SMI -0,26%

Alla fine la giornata si è rivelata negativa. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2020 - 17:47
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera chiude in ribasso una seduta che l'aveva vista a lungo in territorio positivo. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 10'444,05 punti, in flessione dello 0,26% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,28% a 12'908,04 punti.

Il mercato era partito bene, sostenuto dal raggiungimento di un'intesa fra i paesi Ue su un programma di stimolo dell'economia volto a far fronte alla crisi del Covid-19. Con il trascorrere delle ore però la situazione è andata mutando, anche sulla scia di realizzi di guadagno che hanno interessato diversi titoli. L'attenzione degli investitori è infatti rivolta questa settimana alle singole aziende, che ormai a ritmo sostenuto presentano il bilancio di metà anno.

Il listino elvetico ha sofferto soprattutto per la debolezza dei suoi pesi massimi difensivi Roche (-0,51% a 341,05 franchi), Novartis (-1,92% a 81,12 franchi) - che ha pubblicato risultati semestrali inferiori alle attese - nonché, in misura minore, Nestlé (-0,18% a 108,36 franchi).

Hanno per contro convinto i conti di UBS (+2,62% a 11,56 franchi), che hanno avuto un effetto di traino su Credit Suisse (+1,24% a 10,17 franchi). Nello stesso comparto finanziario gli assicurativi Swiss Re (+1,39% a 77,26 franchi) e Swiss Life (+1,09% a 361,40 franchi) si sono fatti preferire a Zurich (+0,74% a 351,80 franchi).

In grande spolvero si è presentata oggi Adecco (+4,05% a 47,51 franchi), che ha beneficiato in particolar modo delle cifre rese note dal concorrente Randstad, nonché dell'intesa trovata a Bruxelles, che dovrebbe dare uno stimolo al lavoro interinale. Meno tonici sono apparsi altri valori particolarmente sensibili alla congiuntura come ABB (-0,13% a 23,31 franchi), LafargeHolcim (+0,27% a 44,72 franchi), Geberit (invariata a 508,40 franchi) e Sika (+0,18% a 200,30 franchi).

Nel segmento del lusso, Richemont (-0,42% a 60,96 franchi) e Swatch (-0,10% a 196,55 franchi) hanno preso atto dell'ulteriore crollo dell'export orologiero in giugno. I riflettori erano anche puntati su Givaudan (-0,90% a 3748,00 franchi) e SGS (-1,51% a 2415,00 franchi), alle prese con i semestrali.

Parecchio movimento è stato notato anche sul mercato allargato, che si è trovato a digerire numerosi risultati, a cominciare da quelli di Logitech (-0,15% a 66,10 franchi) e Kühne+Nagel (-2,31% a 158,90 franchi). Impossibile oggi però mancare l'occasione per citare Lindt & Sprüngli (-4,00% a 79'100 franchi), l'azione che ha il valore più alto sul mercato elvetico: il corso si è trovato sotto pressione a causa del calo di ricavi e utili provocato dall'epidemia e non capita tutti i giorni di perdere in un botto 3300 franchi su un singolo titolo.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.