Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude in ribasso. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 9398,60 punti, in flessione dello 0,32% rispetto a ieri. Lo stesso arretramento ha interessato anche il listino globale SPI, che ha fermato le contrattazioni a 9428,62 punti.

Il mercato è rimasto per tutta la mattinata incollato alla parità, per poi virare in negativo nel pomeriggio. Gli investitori hanno mantenuto un atteggiamento circospetto, un approccio che è andato poi rafforzandosi quando sono arrivati indicatori macro americani poco incoraggianti. A questi ha fatto peraltro da contraltare qualche buon dato aziendale, a cominciare da quello relativo a Goldman Sachs.

Nel frattempo però sul vecchio continente sono tornati d'attualità i timori relativi a un'uscita della Grecia dalla zona euro: il rendimento delle obbligazioni a 3 anni dello stato ellenico è volato ai massimi dal 2012. E considerato che l'aria si è fatta sempre più rarefatta - l'SMI si muove molto vicino ai massimi di sempre - la propensione ad esporsi si è mantenuta scarsa.

Sul fronte interno gli occhi erano puntati su Holcim (+0,60% a 74,95 franchi): dopo il nuovo orientamento espresso dal grande azionista Eurocement la fusione con Lafarge appare più vicina. Sono invece nettamente ripiegati altri titoli fortemente dipendenti dalla congiuntura come ABB (-0,84% a 21,15 franchi), Adecco (-1,83% a 80,25 franchi) e Geberit (-0,73% a 366,40 franchi), nonché - nel segmento del lusso - Swatch (-0,74% a 440,00 franchi) e Richemont (-0,84% a 83,05 franchi). Transocean (-1,18% a 17,56 franchi) ha posto fine a diverse sedute in forte rialzo, finendo arretrata rispetto ai massimi di giornata.

Acquisti sono stati per contro segnalati su Nestlé (+0,79% a 76,60 franchi), alla vigilia della presentazione dei conti trimestrali: vi è chi specula su cifre superiori alle attese, soprattutto dopo la pubblicazione del fatturato del concorrente Unilever. Domani anche Syngenta (-1,32% a 343,20 franchi) informerà sull'andamento degli affari: si scommette su un calo delle vendite.

Nel settore farmaceutico Roche (-0,15% a 275,30 franchi) si è mossa meglio di Novartis (-0,95% a 99,05 franchi): secondo gli operatori è in atto uno spostamento nel portafoglio di alcuni investitori, che cercano nuove opportunità visto che nel recente passato Novartis ha beneficiato di una performance migliore. Nello stesso comparto Actelion (+1,70% a 119,80 franchi) ha annunciato progressi sul fronte clinico.

Seguendo una tendenza notata anche su altre piazze europee non hanno brillato i bancari UBS (-0,26% a 19,07 franchi), Credit Suisse (-0,59% a 26,92 franchi) e Julius Bär (-0,57% a 52,10 franchi), nonostante i buoni risultati presentati negli Usa da Goldman Sachs e Citigroup. Sulla stessa linea si sono attestati anche gli assicurativi Swiss Re (-0,78% a 95,70 franchi) e Zurich (-0,84% a 307,40 franchi).

Completano lo scacchiere delle blue chip Givaudan (-0,54% a 1768,00 franchi), SGS (-0,74% a 1885,00 franchi) e Swisscom (-0,90% a 547,50 franchi).

Nel mercato allargato il dato degli ordinativi di Sulzer (-4,25% a 110,40 franchi) è risultato sostanzialmente in linea con quanto ci si aspettava, ma le previsioni per il futuro sono rimaste immutate e sono quindi scattati i realizzi di guadagno. Sempre sorvegliata speciale è Sika (-2,92% a 3386,00 franchi), al centro di un braccio di ferro per il suo controllo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS