Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha chiuso in lieve ribasso una seduta influenzata dalle incombenti festività: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8515,82 punti, in flessione dello 0,33% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,27% a 8793,67 punti.

Il mercato era partito bene, sostenuto dall'ultima buona seduta di Wall Street sulla scia delle misure di stimolo prospettate dalle autorità di Pechino per sostenere l'economia cinese e del recupero del prezzo del petrolio. Con il trascorrere delle ore i corsi sono però virati in negativo, per poi timidamente riprendersi nel pomeriggio e tornare a puntare verso il basso nel finale.

Sul fronte congiunturale è arrivato il dato della crescita americana nel terzo trimestre, risultata del 2%, in lieve ribasso rispetto alla precedente lettura del 2,1%. Sempre negli Usa le vendite delle case esistenti in novembre sono scese del 10,5%, ben più di quanto si aspettassero gli analisti.

Secondo gli operatori si è fa ormai chiaramente sentire la vicinanza del Natale - siamo ormai alla penultima seduta prima della lunga pausa. Molti investitori sono già in vacanza, le posizioni sono ormai determinate e i volumi di contrattazione appaiono modesti.

Al centro dell'attenzione figurava Actelion (invariata a 134,40 franchi), dopo che dagli Usa è giunto il via libera alla commercializzazione del medicinale Uptravi. Poco ispirati sono apparsi gli altri due titoli farmaceutici, Novartis (-0,83% a 83,30 franchi) e Roche (-0,34% a 267,20 franchi). Ha influenzato negativamente il listino anche un ulteriore peso massimo difensivo, Nestlé (-1,18% a 71,45 franchi).

Non perfettamente univoci hanno chiuso i valori maggiormente dipendenti dai cicli economici come ABB (+0,11% a 17,42 franchi), Adecco (+0,60% a 67,60 franchi), Geberit (-0,12% a 328,40 franchi) e LafargeHolcim (+0,66% a 48,58 franchi). Swatch (+1,46% a 339,70 franchi) e Richemont (+0,71% a 70,75 franchi) non hanno risentito delle cattive notizie sull'export orologiero in novembre: quest'anno i due titoli hanno già subito un notevole arretramento, pari a circa un quinto del loro valore. Transocean (+2,66% a 12,34 franchi) ha beneficiato della ripresa del costo del greggio.

Sopra la riga hanno terminato i bancari UBS (+0,05% a 18,98 franchi), Credit Suisse (+0,29% a 21,02 franchi) e Julius Bär (+0,33% a 44,96 franchi). Quest'ultimo titolo è stato spinto fra l'altro anche dalle speranze circa l'archiviazione della vertenza fiscale con gli Usa ancora prima della fine dell'anno. Nel comparto assicurativo Swiss Re (-0,66% a 97,55 franchi) è apparsa più in difficoltà di Zurich (+0,04% a 250,30 franchi).

Completano lo scacchiere delle blue chip Givaudan (+0,40% a 1767,00 franchi), SGS (+0,92% a 1860,00 franchi), Swisscom (+0,02% a 486,10 franchi) e Syngenta (+2,13% a 384,10 franchi).

Nel mercato allargato la commissione delle offerte pubbliche di acquisto ha dato il via libera all'acquisizione di Micronas (-0,14% a 7,25 franchi) da parte di TDK. Burckhardt Compression (+1,76% a 303,75 franchi) ha annunciato che rileva il 40% di una società americana.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS