Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude la seconda seduta settimanale in ribasso: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 9130,48 punti, in flessione dello 0,35% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,26% a 10'472,64 punti.

Dopo un avvio timidamente positivo il mercato è andato presto ripiegando. Stando agli operatori gli investitori hanno mostrato un'evidente ritrosia a impegnarsi: nemmeno dati congiunturali sorprendentemente positivi, come quello sulla crescita economica tedesca, sono riusciti a smuoverli dalla loro letargia.

L'atmosfera di fondo viene comunque sempre ritenuta buona per le azioni. Non si sta facendo strada il timore di una grande correzione e vi è tuttora la speranza di vivere un rally di fine anno, grazie fra l'altro ai piani di sgravi fiscali del presidente americano Donald Trump.

Sul fronte interno sorvegliata speciale era LafargeHolcim (-1,42% a 55,45 franchi), dopo la notizia di perquisizioni a Parigi e Bruxelles in relazioni alle attività in Siria negli anni scorsi. Male orientati si sono rivelati anche altri valori particolarmente sensibili ai cicli economici come ABB (-0,83% a 25,06 franchi), Adecco (-0,27% a 74,30 franchi) e Geberit (-0,42% a 427,00 franchi).

In contro tendenza è apparsa invece Sika (+0,21% a 7325,00 franchi). Nel segmento del lusso Swatch (-0,54% a 365,60 franchi) è andata praticamente a braccetto con Richemont (-0,58% a 86,10 franchi).

Poco mossi si sono rivelati i bancari UBS (-0,30% a 16,87 franchi), Credit Suisse (+0,13% a 15,81 franchi) - che si è accordata negli Usa per pagare 135 milioni di dollari per archiviare accuse di manipolazione sul mercato dei cambi - e Julius Bär (+0,26% a 58,15 franchi). Tutti con il segno meno hanno chiuso invece gli assicurativi Zurich (-0,40% a 298,90 franchi), Swiss Life (-0,88% a 338,60 franchi) e Swiss Re (-0,38% a 92,45 franchi).

Hanno inciso negativamente sul listino i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,53% a 83,95 franchi) e Novartis (-0,55% a 81,10 franchi), mentre si è smarcata Roche (+0,09% a 228,50 franchi). Completano il quadro dei 20 titoli principali Givaudan (+0,22% a 2255,00 franchi), SGS (+0,17% a 2421,00 franchi) e Swisscom (+0,30% a 505,00 franchi).

Nel mercato allargato EFG (+1,87% a 8,72 franchi) ha indicato che potrà mantenere la filiale a Milano. PSP (+0,11% a 87,50 franchi) ha presentato i trimestrali, Peach Property (+1,12% a 27,10 franchi) ha annunciato l'acquisto di 1100 appartamenti e Arbonia (+0,61% a 16,50 franchi) ha fatto sapere di aver trovato un acquirente per Condecta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS