Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha chiuso in ribasso una seduta di piccolo cabotaggio. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8971,40 punti, in flessione dello 0,43% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,44% a 10'188,79 punti.

Archiviata la buona partenza semestrale di ieri, il mercato ha assunto un atteggiamento chiaramente attendista, complice la scarsità di stimoli dovuta anche alla festività negli USA. È tornata a farsi strada la prudenza, sulla scia anche dei test missilistici nordcoreani.

Vi è inoltre chi pronostica un'estate difficile, considerati la forza dell'euro, il lento abbandono delle politiche monetarie espansive e una certa delusione riguardo all'operato del presidente americano Donald Trump.

I listini elvetici si sono mossi poco e pure le variazioni dei 20 titoli principali sono rimaste quasi sempre inferiori al punto percentuale. Ha frenato il listino soprattutto Nestlé (-0,78% a 83,05 franchi), che si è allontanata dai massimi di sempre raggiunti lunedì scorso, mentre si sono difesi un po' meglio gli altri due pesi massimi difensivi Novartis (-0,31% a 80,35 franchi) e Roche (-0,41% a 245,40 franchi).

Male orientati sono rimasti i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (-1,00% a 23,72 franchi), Adecco (-1,02% a 72,75 franchi), Geberit (-0,67% a 448,00 franchi) e LafargeHolcim (-0,35% a 56,20 franchi). Nel segmento del lusso Swatch (-1,63% a 351,00 franchi) è apparsa più in difficoltà di Richemont (-0,44% a 79,25 franchi).

In ordine sparso hanno chiuso i bancari UBS (-0,48% a 16,71 franchi), Credit Suisse (+0,91% a 14,44 franchi) - favorita da una raccomandazione di Société Générale - e Julius Bär (-0,19% a 51,75 franchi). Scarsa unanimità di veduta è stata offerta pure dagli assicurativi Zurich (-0,04% a 284,60 franchi), Swiss Life (+0,87% a 335,50 franchi) e Swiss Re (+0,28% a 89,40 franchi).

Completano il quadro delle blue chip Givaudan (+0,21% a 1921,00 franchi), Lonza (-0,23% a 212,60 franchi), SGS (-0,26% a 2320,00 franchi), Sika (-0,40% a 6175,00 franchi) e Swisscom (-0,13% a 468,40 franchi).

Nel mercato allargato in evidenza era Clariant (+3,06% a 22,20 franchi), dopo che un grande azionista si è detto contrario alla fusione con Huntsman. Cham Paper (+3,07% a 394,75 franchi) ha presentato risultati provvisori relativi al primo semestre. Idorsia (-3,43% a 19,70 franchi) si è concessa una pausa, dopo essere raddoppiata di valore nelle prime due settimane di quotazione. Gurit (-2,45% a 1154,00 franchi) ha sofferto per un cambiamento di valutazione da parte di Baader Helvea.

SDA-ATS