Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude la settimana con una seduta in ribasso. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8608,91 punti, in flessione dello 0,55% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,54% a 8879,82 punti.

Il mercato ha vissuto alti e bassi che vengono messi in relazione con il fatto che oggi era il cosiddetto "giorno delle streghe": quattro volte all'anno - il penultimo venerdì alla fine di ogni trimestre - scadono infatti futures e opzioni su indici e azioni, ciò che provoca spesso un aumento degli scambi e sbalzi non indifferenti.

"Siamo alla ricerca di una direzione chiara", spiega un operatore. Dopo la decisione della Federal Reserve di aumentare il tasso direttore i corsi erano fortemente aumentati, ma il calo del prezzo del petrolio ha messo nuovamente sotto pressione diversi titoli. Ora gli investitori si chiedono quali saranno i tempi degli ulteriori interventi della banca centrale americana.

Fra i bancari positiva si è rivelata la seduta di UBS (+0,52% a 19,23 franchi) e Credit Suisse (+0,71% a 21,33 franchi), mentre ha arrancato Julius Bär (-0,80% a 45,88 franchi): quest'ultimo istituto secondo notizie di stampa sarebbe interessato alle attività di amministrazione patrimoniale di Barclays in Asia, per un ammontare di 36 miliardi di dollari. Sorvegliata speciale era anche Zurich (+0,28% a 251,70 franchi), che ha annunciato l'acquisizione dell'assicuratore agrario americano RCIS e che ha fatto meglio di Swiss Re (-0,91% a 97,60 franchi).

Con il segno meno hanno chiuso i titoli maggiormente dipendenti dai cicli economici come ABB (-1,63% a 17,48 franchi), Adecco (-0,96% a 66,85 franchi), Geberit (-0,95% a 333,00 franchi) e LafargeHolcim (-2,04% a 48,57 franchi). Nel segmento del lusso Swatch (-1,26% a 226,90 franchi) si è mossa in linea con Richemont (-1,46% a 70,90 franchi). Transocean (-4,33% a 12,37 franchi) ha comunicato che la sua uscita dalla borsa avverrà a fine marzo.

Hanno avuto un andamento poco lineare i massimi difensivi Nestlé (-0,68% a 73,05 franchi), Novartis (-0,53% a 84,75 franchi) e Roche (+0,44% a 268,90 franchi). Completano il quadro delle blue chip Actelion (-0,81% a 134,90 franchi), Givaudan (-2,49% a 1763,00 franchi), SGS (-0,37% a 1862,00 franchi), Swisscom (-0,53% a 592,20 franchi) e Syngenta (+0,86% a 374,50 franchi).

Nel mercato allargato Repower (+6,17% a 58,50 franchi il buono di partecipazione, -16,46% a 66,00 franchi l'azione nominativa) ha annunciato una riorganizzazione e il delisting, mentre Ascom (+0,32% a 15,65 franchi) ha fatto sapere che vende un comparto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS