Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha terminato la settimana con una seduta in ribasso, la terza quest'anno. L'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 7368,80 punti (-0,82% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,71% a 6777,89 punti.

Il mercato era inizialmente partito bene, stimolato dai buoni dati sulla crescita del prodotto interno lordo cinese nel quarto trimestre e dall'attesa per l'adozione di politiche monetarie espansive in Giappone. Poi i guadagni sono andati azzerandosi e sono subentrati i cali.

L'evoluzione in atto non sorprende peraltro gli operatori: dopo la partenza col botto dell'anno borsistico 2013, con l'SMI in progressione di oltre l'8%, un rallentamento era atteso. L'atmosfera generale rimane comunque positiva, affermano gli specialisti: vi è fiducia sulle prospettive future, grazie al miglioramento dei dati congiunturali in Asia e negli Usa, all'indebolimento del franco e alla forte liquidità presente sulle varie piazze.

Per quanto riguarda i singoli titoli si è mossa bene fra i bancari Julius Bär (+0,52% a 36,53 franchi), dove sono in arrivo rinforzi sotto forma di manager di Merrill Lynch, mentre UBS (-0,99% a 16,02 franchi) e Credit Suisse (-0,08% a 26,42 franchi) hanno palesato qualche difficoltà. Nel segmento assicurativo perdite sono segnalate per Zurich (-0,54% a 256,70 franchi) e soprattutto per Swiss Re (-1,69% a 69,85 franchi), dopo che la stampa italiana ha fatto il nome del riassicuratore come potenziale acquirente della ticinese BSI da Generali: in tal caso si allontanerebbe la prospettiva di un dividendo straordinario, un'ipotesi che da tempo sosteneva il titolo.

Fra i valori maggiormente legati alla congiuntura spicca la sempre volatile Transocean (+0,58% a 51,70 franchi), più tonica di Holcim (-0,36% a 69,20 franchi) e di ABB (-1,35% a 19,68 franchi), quest'ultima penalizzata da un giudizio di Morgan Stanley. La giornata è stata negativa anche per il comparto del lusso, con Swatch (-0,95% a 520,00 franchi) e Richemont (-2,24% a 78,70 franchi). Non hanno offerto resistenza al trend generale i pesi massimi difensivi Nestlé (invariata a 63,40 franchi), Novartis (-0,89% a 61,15 franchi) e Roche (-1,68% a 199,50 franchi), che ha sofferto per i realizzi di guadagno.

Nel mercato allargato in flessione Von Roll (-2,27% a 2,15 franchi), dopo un avvertimento sugli utili, e Zehnder (-2,50% a 42,90 franchi): in questo caso più che il fatturato 2012 non sono piaciute le prospettive per l'esercizio in corso. In forte calo ha chiuso Santhera (-21,88% a 3,75 franchi): ha pesato l'annuncio che la commissione preparatoria dell'autorità europea dei medicamenti si è espressa contro l'autorizzazione del farmaco Raxone per la cura della neuropatia ottica ereditaria di Leber (LHON). Barry Callebaut (-0,05% a 912,50 franchi) ha comunicato un'acquisizione in Scandinavia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS