Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude in ribasso la prima e poco movimentata seduta di una settimana destinata a diventare assai più animata. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8'362,60 punti, in flessione dell'1,06% rispetto a venerdì.

Il listino globale SPI ha perso lo 0,91% a 9121,83 punti.

"L'atmosfera generale era poco incoraggiante", ha commentato un operatore. Hanno pesato il taglio del rating dell'Italia, lo scenario di una possibile Brexit "dura" e il timore che la minaccia proferita dal nuovo presidente americano Donald Trump di imporre dazi punitivi ai costruttori automobilistici possa portare a una guerra commerciale.

Oggi le notizie di rilievo scarseggiavano e le contrattazioni sono state contraddistinte da una certa letargia, complice la festività negli Usa, con Wall Street chiusa e numerosi investitori ancora impegnati nel weekend lungo. Ma da domani nessuno si potrà più lamentare per la carenza di impulsi: sia negli Usa che in Europa è attesa la pubblicazione di una raffica di dati macroeconomici e di bilanci aziendali. Inoltre giovedì la Banca centrale europea renderà noti i suoi ultimi orientamenti in materia di politica monetaria e venerdì Trump assumerà ufficialmente le sue funzioni

Per quanto riguarda i singoli titoli sotto pressione sono rimasti per tutta la giornata i bancari UBS (-1,73% a 17,04 franchi) e Credit Suisse (-1,67% a 15,85 franchi), che hanno sofferto per i realizzi di guadagno dopo l'ultima seduta molto positiva sulla scia dei risultati diffusi dai concorrenti americani. Julius Bär (-0,75% a 47,78 franchi) ha perso meno perché sostenuta da una raccomandazione di Goldman Sachs. Le vendite del comparto finanziario hanno interessato anche gli assicurativi Zurich (-0,78% a 281,50 franchi), Swiss Life (-1,01% a 292,60 franchi) e Swiss Re (-2,44% a 94,05 franchi): quest'ultima azione ha risentito in modo particolare di un giudizio negativo di UBS.

Non perfettamente all'unisono si sono mossi i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (-0,88% a 22,47 franchi), Adecco (-0,78% a 70,05 franchi), Geberit (+0,29% a 415,20 franchi) - domani fornirà il dato sul fatturato 2016 - e LafargeHolcim (-3,04% a 52,60 franchi).

Nel segmento del lusso Swatch (-0,93% a 350,30 franchi) è rimasta in linea con Richemont (-0,78% a 76,80 franchi) nel giorno in cui si è aperto l'importante salone orologiero di Ginevra. I due titoli si sono mostrati i più dinamici dell'SMI nel 2017.

Swisscom (-1,50% a 454,30 franchi) è stata penalizzata da una valutazione di Berenberg: ma è opinione comune che questo incide in modo abbastanza notevole semplicemente perché i volumi di scambio sono risultati limitati. Syngenta (+0,60% a 421,50 franchi) è stata fra i pochi titoli in controtendenza, dopo che Sinochem ha smentito progetti di fusione con ChemChina.

Nel comparto farmaceutico Actelion (-0,30% a 230,60 franchi) ha galleggiato vicino alla parità, mentre sono tornati ad arretrare i giganti Novartis (-1,23% a 72,10 franchi) e Roche (-1,42% a 235,60 franchi). Non è riuscita a sottrarsi alla tendenza generale nemmeno Nestlé (-0,60% a 74,05 franchi). Completano il quadro dei 20 titoli principali Givaudan (-1,24% a 1825,00 franchi) e SGS (-0,33% a 2139,00 franchi).

Nel mercato allargato ha informato sull'andamento degli affari BB Biotech (-2,13% a 55,10 franchi). AMS (+1,45% a 31,50 franchi) ha approfittato di una raccomandazione di Credit Suisse.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS