Navigation

Borsa svizzera: chiude in ribasso, SMI -1,17%

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 ottobre 2013 - 17:42
(Keystone-ATS)

Seduta negativa per la borsa svizzera, tradita oggi soprattutto dai suoi titoli difensivi: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 7964,44 punti (-1,17% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha perso l'1,06% a 7568,51 punti.

Partito al ribasso sulla scia delle incertezze politiche generali, il mercato ha esteso le perdite dopo l'avvio delle contrattazioni a Wall Street, con gli investitori preoccupati per la vertenza sul bilancio negli Usa e per l'ultimo dato sulla creazione di posti di lavoro oltre Atlantico, risultato inferiore al previsto.

In Italia la situazione si è invece rasserenata, con la conferma della fiducia all'attuale governo. Non hanno praticamente avuto influsso sui corsi la decisione sui tassi da parte della Banca centrale europea - nessun cambiamento - e le successive dichiarazioni del presidente Mario Draghi.

Tutte le blue chip elvetiche hanno terminato in rosso, a partire dai bancari UBS (-0,74% a 18,66 franchi), Credit Suisse (-0,14% a 28,39 franchi) e Julius Bär (-1,52% a 42,63 franchi), passando dagli assicurativi Swiss Re (-0,33% a 75,25 franchi) e Zurich (-0,38% a 232,90 franchi).

Non è stata giornata nemmeno per i titoli maggiormente sensibili alla congiuntura quali ABB (-1,07% a 21,22 franchi), Adecco (-1,38% a 64,55 franchi), Geberit (-1,05% a 244,20 franchi) e soprattutto Holcim (-2,07% a 66,35 franchi). Vendite sono state segnalate anche in modo particolare su Givaudan (-2,22% a 1280,00 franchi).

Per quanto concerne i pesi massimi difensivi Nestlé (-1,35% a 62,25 franchi) è stata penalizzata dalla riduzione dell'obiettivo di corso da parte di Credit Suisse. Non si sono peraltro mosse meglio né Novartis (-1,37% a 68,55 franchi), né Roche (-1,59% a 241,60 franchi), assai tonica nelle scorse sedute.

Nel mercato allargato balzo di Acino (+31,56% a 113,80 franchi), interessata da un'offerta pubblica di acquisto che valuta a 115 franchi le azioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.