Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Pioggia di ordini di vendita oggi alla borsa svizzera: i timori di una stretta monetaria da parte della Federal Reserve americana e alcuni risultati aziendali peggiori delle attese hanno spinto gli investitori a realizzare i guadagni. L'indice dei valori guida SMI è tornato a scendere sotto l'importante soglia - tecnica e psicologica - degli 8000 punti, attestandosi a 7982,43 punti (-1,19% rispetto a ieri). Il listino globale SPI ha lasciato sul terreno l'1,12%, calando a 7561,80 punti.

Dopo quattro sedute positive il mercato ha bruscamente sterzato, affossato - come le altre piazze - dalla prospettiva di vedere la banca centrale americana abbandonare la sua politica monetaria ultra espansiva. Sempre dagli Usa è giunta una salva di dati macroeconomici con tendenze contraddittorie: alcuni dati sono risultati anche negativi, ma non in misura tale da riuscire ad attenuare le paure di un cambiamento di rotta della Fed. Intanto Cisco e Wal-Mart presentavano bilanci che non lasciavano spazio a grandi speranze di crescita: molti operatori sul mercato hanno perciò pensato che fosse il momento buono per mettere un po' di fieno in cascina.

Sul fronte interno in primo piano figurava innanzitutto Zurich (-3,61% a 243,00 franchi), che ha presentato dati semestrali inferiori alle attese, e che si è mossa nettamente peggio dell'altro assicuratore, Swiss Re (-0,48% a 72,15 franchi).

Sorvegliata speciale era anche Holcim (+0,92% a 71,10 franchi), che pure ha pubblicato il bilancio di metà anno: i numeri sono risultati tendenzialmente inferiori alle previsioni degli analisti, ma gli specialisti hanno apprezzato i progressi realizzati in materia di costi e così, dopo un avvio anemico, il valore è schizzato verso l'alto e - unico insieme a Transocean (+0,91% a 44,29 franchi) - ha chiuso in territorio positivo.

Meno tonici si sono rivelati fin da subito gli altri titoli particolarmente sensibili alla congiuntura, come ABB (-0,71% a 20,95 franchi), Geberit (-1,89% a 233,00 franchi) e soprattutto Adecco (-2,44% a 62,05 franchi). Lo stesso orientamento è stato osservato anche nel settore del lusso, con Richemont (-2,98% a 92,70 franchi) e Swatch (-1,57% a 563,00 franchi).

Non era oggi giornata nemmeno per i bancari UBS (-1,85% a 19,07 franchi), Credit Suisse (-1,17% a 28,65 franchi) e Julius Bär (-1,08% a 43,95 franchi), peraltro protagonisti di buone performance nelle ultime sedute, né per i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,40% a 62,45 franchi), Novartis (-1,16% a 68,25 franchi) e Roche (-1,49% a 237,40 franchi), che hanno inciso fortemente sul listino.

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari Meyer Burger (+2,19% a 7,93 franchi), VZ Holding (-4,53% a 145,30 franchi), Orell Füssli (+1,03% a 88,00 franchi) e Nationale (-1,04% a 42,90 franchi). Gli investitori hanno tenuto davanti agli occhi anche i corsi di BKW (-1,13% a 30,75 franchi) e di Alpiq (+0,17% a 115,50 franchi), dopo che il Consiglio federale ha deciso di far passare maggiormente alla cassa i gestori delle centrali atomiche per finanziare i costi di disattivazione degli impianti.

Curiosità ha suscitato il titolo Addex (+5,08% a 4,14 franchi), già ieri protagonista di un balzo del 18% senza che siano ben chiari i motivi. Orascom (-1,27% a 7,80 franchi) soffre anche le conseguenze della situazione politica in Egitto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS