Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Avvio in negativo, mattinata in rialzo, pomeriggio altalenante e chiusura in ribasso: questo in sintesi l'andamento della seduta odierna della Borsa svizzera.

L'indice dei valori guida SMI ha terminato in calo dello 0,35% a 8'291,69 punti e quello allargato SPI in perdita dello 0,29% a 9'063,32 punti.

Sul fronte congiunturale il tasso di disoccupazione è calato in dicembre nella zona Euro al 9,6%, il più basso da sette anni e mezzo. L'inflazione dell'Eurozona si è attestata all'1,8% in gennaio avvicinandosi all'obiettivo della Bce mentre il Pil nel quarto trimestre è cresciuto dello 0,5%.

Per quanto riguarda Oltreoceano, la fiducia dei consumatori americani è calata in gennaio a 111,8 da 113,3 di dicembre, dato sotto le attese degli analisti, che scommettevano su 112,8.

A livello Svizzero, sotto pressione è stato per tutta la giornata il titolo Givaudan (-4,05% a 1'779 franchi): il gruppo ginevrino numero uno mondiale degli aromi e dei profumi ha annunciato i risultati annuali che non hanno pienamente soddisfatto le attese degli analisti.

In calo anche i pesi massimi difensivi Nestlé e Roche che hanno ceduto rispettivamente lo 0,14% (a 72,30 franchi) e lo 0,43% (a 233 franchi). Novartis - che aveva perso terreno dopo che in una riunione con i big della farmaceutica, guidati dal numero uno di Novartis Joe Jimenez: il presidente americano Donald Trump ha detto che i prezzi dei medicinali devono essere abbassati - ha recuperato terreno e ha chiuso in crescita dello 0,62% (a 72,45 franchi).

Tra i bancari solo Julius Bär ha messo a segno una progressione (+0,28% a 46,24 franchi), UBS ha perso l'1,05% a 15,97 franchi e Credit Suisse l'1,38% a 14,99 franchi. In calo hanno chiuso anche gli assicurativi Zurich e Swiss Life: il primo ha ceduto lo 0,28% a 283,50 franchi e il secondo lo 0,49% a 92,10 franchi. In rialzo invece Swiss Life holding (+0,20% a 299,10 franchi)

Per quanto riguarda i titoli più sensibili alla congiuntura, ABB ha registrato un calo dello 0,38% a 23,43 franchi, Adecco è sceso dello 0,07% a 70,40 franchi e LafargeHolcim ha perso lo 0,75% a 52,90 franchi. Unico ad aver segnato una crescita, seppur leggera, è Geberit (+0,12% a 421,60 franchi).

Bene hanno chiuso i titoli del lusso con Swatch che è avanzato dello 0,87% a 349,50 franchi e Richemont che ha segnato un incremento dello 0,46% a 76,70 franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS