Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - I timori sullo sviluppo della congiuntura in Asia e in USA e i debiti pubblici dei paesi europei hanno spinto oggi al ribasso le principali borse europee e quindi anche quella svizzera che ha continuato durante tutto il giorno a perdere punti. Al termine della seduta, l'indice guida SMI ha chiuso con un -2,64% a 6144,45 punti e quello allargato SPI ha lasciato sul terreno il 2,58% a 5419,34 punti.
Oggi è stato reso noto il dato sulla fiducia dei consumatori americani che è sceso a giugno a 52,9 da 62,7 di maggio, quindi al di sotto delle attese. Invece, l'indice Case-Shiller, indicatore dei prezzi nelle principali 20 città americane, è salito ad aprile del 3,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: si tratta dell'incremento tendenziale maggiore dal settembre 2006. I prezzi delle case rispetto a marzo sono saliti dello 0,8%.
Oggi sulla Borsa svizzera tutte le blue chip hanno chiuso in ribasso. I bancari sono stati ancora una volta sotto pressione: UBS ha terminato la giornata con un -4,18% a 14,45 franchi, CS ha ceduto il 4,17% a 40,90 franchi e Julius Baer ha perso il 3,82% portandosi a 30,96 franchi.
Anche i titoli legati alla congiuntura hanno subito forti perdite. ABB è scesa del 5% a 19,02 franchi. Oggi il gruppo americano Emerson ha rialzato di oltre un terzo la sua offerta d'acquisto sull'impresa britannica Chloride, superando così quanto proposto dal rivale zurighese ABB. Giù anche Adecco (-4,25 % a 51,80 franchi) come pure Holcim (-2,90 % a 73,55 franchi).
Dopo la morte avvenuta ieri di Nicolas Hayek, oggi il titolo Swatch è sceso del 5,59% a 307,20 franchi. Da notare che anche Richemont cede il 5,49% e si porta a 38,40 franchi.
A spingere al ribasso il listino hanno contribuito anche i pesi massimi: Novartis ha perso l'1,88% a 52,20 franchi, Roche ha ceduto il 2,85% e si è portato a 149.80 franchi. Infine Nestlé recede dello 0,95% a 52,35 franchi.
Da notare che da oggi nella Borsa svizzera (SIX Swiss Exchange) sono entrati per la prima volta i titoli dell'impresa biotecnologica statunitense Oxygen Biotherapeutics, già quotata al Nasdaq da gennaio. Il titolo è oscillato tra 3,3 e 3,18 franchi.

SDA-ATS