Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera ha terminato in rialzo una seduta iniziata avviata in calo e proseguita altalenante fino a un'ora e mezzo dalla chiusura. L'SMI segna un +0,83% a 6368.81 punti, l'SPI con un +0,58% a 5590.06 punti, grazie alla notizia che i compromessi per l'acquisto di abitazioni non nuove negli Stati Uniti hanno segnato in aprile un rialzo del 6%, al di sopra delle attese degli analisti.
Tra le blue chip erano nuovamente sotto pressione i titoli bancari, che hanno però ridotto le perdite fatte segnare in giornata. UBS ha ceduto lo 0,20% a 15.32 franchi, Credit Suisse lo 0,25% a 44.19 franchi e Julius Bär lo 0,83% a 33.28 franchi. Operatori citati dalla Reuters hanno spiegato che hanno avuto effetti negativi sull'umore degli investitori i piani di regolamentazione del settore finanziario in Europa e negli Stati Uniti nonché la ripresa dei timori in relazione ai debiti di alcuni paesi dell'Ue.
Pesanti SGS (-1,39% a 1422 franchi) e Adecco (-1,36% a 54.45 franchi). Si è invece messa positivamente in evidenza Richemont, avanzata del 3,43% a 39.19 franchi, dando slancio anche a Swatch (+1,23% a 304,70 franchi). Bene anche i pesi massimi difensivi: Nestlé è salita dell'1,42% a 53.55 franchi, Novartis dello 0,96% a 52.85 franchi e Roche dell'1,62% a 162.90 franchi.
ABB, che ha annunciato oggi di aver perfezionato il rilevamento dell'americana Ventyx, operazione costata oltre un miliardo di dollari, ha chiuso in flessione dello 0,45% a 19.70 franchi. Nel listino allargato Sulzer ha guadagnato il 4,76% a 99 franchi. Il gruppo zurighese ha rilevato la società britannica Dowding & Mills per un ammontare 127,5 milioni di sterline (circa 217 milioni di franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS