Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata interamente positiva per la Borsa svizzera, che nel corso della seduta si è rafforzata continuamente. L'SMI ha chiuso le contrattazioni con una progressione dello 0,85% a 6'461.54 punti, l'SPI dello 0,88% a 5'962.98 punti.

Nel primo pomeriggio una spinta è arrivata dai dati sul mercato del lavoro americano: in luglio sono stati creati 163'000 impieghi, mentre le attese erano per 100'000. Si tratta del maggiore incremento dal febbraio di quest'anno. Rispetto a giugno il tasso di disoccupazione è salito di 0,1 punti percentuali all'8,3%. Gli esperti ritenevano restasse fermo all'8,2%.

Tra le blue chip elvetiche sotto pressione Givaudan, che ha lasciato sul terreno il 3,56% a 920 franchi. Nel primo semestre il numero uno mondiale di profumi e aromi ha registrato un utile netto di 201 milioni di franchi, in crescita del 68% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Il giro d'affari si è attestato a 2,13 miliardi di franchi (+6%). Gli analisti hanno poco apprezzato la redditività operativa, cresciuta meno fortemente delle attese: l'utile al lordo di tasse, interessi e ammortamenti Ebitda ha registrato un aumento del 12% a 428 milioni.

Forte incremento invece per i titoli ciclici, con Adecco in rialzo del 4,45% a 44.15 franchi, ABB del 3,01% a 17.47 franchi, Holcim del 2,66% a 59.90 franchi e Geberit dell'1,74% a 193 franchi. Netta progressione anche per i bancari, con Credit Suisse che è salita del 4,56% a 16.74 franchi, UBS del 3,55% a 10.50 franchi e Julius Bär dell'1,66% a 35.55 franchi.

Bene anche il lusso (+2,28% a 56.05 franchi per Richemont e +1,15% a 386.80 franchi per Swatch Group) e gli assicurativi: +2,18% a 220.40 per Zurich Insurance e +1,08% a 61 franchi per Swiss Re. Chiusura contrastata invece per i pesi massimi difensivi: Nestlé è cresciuta dello 0,50% a 60.75 franchi, Roche dello 0,06% a 174.50 franchi mentre Novartis ha ceduto lo 0,35% a 57.70 franchi.

Nel mercato allargato da segnalare che OC Oerlikon ha guadagnato lo 0,88% a 7.99 franchi. Il gruppo zurighese ha registrato nel primo semestre un utile netto in crescita del 37% a 114 milioni di franchi. Il giro d'affari è progredito del 3% a 1,95 miliardi rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Huber+Suhner è salita dell'1,32% a 38.50 franchi. Lo specialista di cavi e tecniche di connessione elettriche ed ottiche ha chiuso il primo semestre con un fatturato in calo del 22,5% a 315 milioni di franchi. L'utile netto si è attestato a 6 milioni, contro 39 milioni un anno prima (-84,6%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS