Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera, partita debole, ha reagito solo temporaneamente al rialzo alla decisione della Banca centrale europea di ridurre il tasso d'interesse di riferimento dallo 0,25% al minimo storico dello 0,15% e di applicare per la prima volta un tasso negativo (-0,1%) sui depositi delle banche presso la Bce, nonché all'annuncio da parte del presidente dell'istituto Mario Draghi di un pacchetto di misure per rilanciare il credito e riportare l'inflazione a una soglia "vicina ma inferiore al 2%". L'SMI ha così chiuso in calo dello 0,21% a 8'643.28 punti. L'indice allargato SPI ha perso lo 0,13% a 8'536.85 punti.

Tra le blue chip elvetiche in luce Holcim (+2,37% a 82.05 franchi) dopo che la Commissione europea ha dato il suo via libera al rilevamento di attività della concorrente Cemex in Germania. In forte rialzo pure Adecco (+1,69% a 75.35 franchi) e Actelion (+1,63% a 90.50 franchi).

Contrastati i bancari, con il Credit Suisse salito dello 0,63% a 27.05 franchi, Julius Bär dello 0,16% a 38.75 franchi mentre UBS ha ceduto lo 0,22% a 17.81 franchi, così come gli assicurativi, con Swiss Re in progressione dello 0,89% a 79.05 franchi e Zurich in calo dello 0,04% a 265.40 franchi.

Quanto ai pesi massimi difensivi, Roche (+0,11% a 268.40 franchi) ha sostenuto il listino, mentre Nestlé ha perso l'1,00% a 69.50 franchi e Novartis lo 0,32% a 78.95 franchi. Male il lusso con Swatch in flessione dell'1,03% a 529.50 franchi e Richemont dello 0,91% a 92.20 franchi dopo che il patron di Swatch Group, Nick Hayek, ha giudicato improbabile una crescita a due cifre nel 2014.

SDA-ATS