Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha chiuso oggi in territorio positivo, nonostante i guadagni si siano affievoliti nel corso della giornata, sulla scia di Wall Street che procedeva debole in attesa di informazioni su un possibile accordo sul tetto del debito. L'indice dei valori guida SMI ha segnato un aumento dello 0,70% a 7'984.35 punti e l'indice allargato SPI ha segnato una crescita dello 0,64%, a 7'590.66 punti.

L'indice Zew che misura la fiducia degli investitori tedeschi sulla base delle aspettative sui prossimi sei mesi è salito per il terzo mese di fila, a 52,8 in ottobre (49,6 il mese precedente), toccando i massimi da aprile 2010. Lo scrive l'agenzia Bloomberg, secondo cui lo Zew segnala che la ripresa tiene nonostante la turbolenza sui mercati innescata dal rischio-default degli Usa.

Sul listino principale, per quanto riguarda i pesi massimi difensivi Nestlé guadagna lo 0,81% (a 62,15 franchi), Novartis dopo essere stato quasi tutta la giornata in positivo chiude con una leggera perdita (-0,22% a 67,85 franchi) e Roche sale dell'1,29% (a 243,00 franchi).

Per i titoli del settore del lusso Swatch Group, dopo la crescita in mattinata, ha ceduto lo 0,61% (a 574,50), mentre Richemont ha guadagnato lo 0,60% (a 92,20 franchi). Aumento per UBS (+1,61% a 18,93 franchi), come anche per gli altri due bancari Julius Bär e Credit Suisse che salgono, rispettivamente, dell'1,97% (a 43,99 franchi) e dell'1,54% (a 29,06 franchi). In crescita anche gli assicurativi Zurich (+1,10% a 238,10 franchi) e Swiss Re (+0,85% a 76,80 franchi).

Per quanto riguarda i titoli più strettamente legati alla congiuntura, in crescita ABB (+1,04% a 21,36 franchi), Geberit (+0,42% a 239,20 franchi), Holcim (+0,08% a 65,75 franchi) e Adecco (+1,61% a 66,30 franchi). Mentre Syngenta perde il 2,27% (a 352,80 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS