Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Listini in ulteriore ribasso nel primo pomeriggio alla Borsa svizzera, sulla scia dei timori che l'aiuto della Ue alla Grecia probabilmente non riuscirà ad evitare un effetto domino della crisi. 15.10 circa l'indice SMI dei titoli guida era a quota 6729,46, in calo dell'1,09%. L'indice allargato SPI registrava una flessione dell'1,07% a 5970,29 punti.
Tutte le blue chip sono in discesa, tranne Roche che è appena sopra la linea (+0,06%). Novartis è in flessione dello 0,62%, Nestlé dello 0,37%.
Dopo gli incrementi di ieri, l'UBS segna una contrazione del 2,96%, il Credit Suisse dell'1,64% e la Julius Bär del 2,04%. A nulla sono valse le cifre trimestrali pubblicate stamane dalla Deutsche Bank, superiori alle attese.
Fra gli assicurativi, Swiss Life perde il 2,10%, Swiss Re l'1,28% e Zurich Financial l'1,16%. Forte calo per ABB (-2,45%), Actelion (-2,23%), Richemont (-2,58%) e SGS (-3,14%). Quest'ultima società risente del deterioramento del giudizio da parte della Deutsche Bank.

SDA-ATS