Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Continua a muoversi in territorio negativo anche nel pomeriggio la Borsa svizzera. L'annuncio della Bce sul lancio di un programma di acquisto di titoli di Stato da 60 miliardi di euro al mese fino al settembre 2016 (o fino a un deciso miglioramento dell'andamento dell'inflazione) ha dato un breve impulso ai listini, che hanno ridotto le perdite, prima di tornare sulle posizioni di prima. Attorno alle 15.10 l'indice dei titoli guida segnava una perdita dell'1,40% a 7896,59 punti, mentre il listino allargato SPI cedeva l'1,34% a quota 7793,19.

Fra le blue chip continuano ad essere sotto pressione Actelion (-4,30%) e SGS (-2,89) oltre al gigante della farmaceutica Roche (-3,10). In negativo anche gli altri pesi massimi difensivi: Novartis (-2,48%) e Nestlé (-1,21%).

In ordine sparso i finanziari: UBS (+2,07%), Credit Suisse (+1,66%), Julius Bär (-1,24%), Zurich Financial (-0,41%) e Swiss Re (-0,57%). Nel settore del lusso, in flessione Richemont (-1,75%), mentre Swatch è vicina alla parità (+0,03%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS