Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La giornata prosegue all'insegna del rialzo alla Borsa svizzera. Verso le 15.10 il listino principale sale dello 0,77% a quota 6762,68. Nel corso della seduta ha toccato 6779,29 punti, un livello non più raggiunto dall'ottobre 2008. L'indice allargato SPI è a 5804.21 punti (+0,71%).
Nel primo pomeriggio è stato annunciato che negli Stati Uniti la spesa personale, indicatore dei consumi privati, a gennaio ha registrato un rialzo dello 0,5%, superiore alla previsione di un aumento dello 0,4%.
Sulla piazza elvetica crolla il titolo Actelion (-14,83%). La società biotecnologica basilese non ha raggiunto un importante obiettivo: il suo medicinale di punta Tracleer non riesce a ridurre la mortalità nella fibrosi cistica. "È una grande delusione. Molti investitori avevano sperato in tale indicazione supplementare", ha dichiarato un operatore alla Reuters.
Tutte la altre blue chip sono in rialzo, tranne Swiss Re che perde lo 0,87%. Swiss Life guadagna l'1,70% Zurich Financial lo 0,42%. Quanto ai bancari, il Credit Suisse avanza del 2,58%. Stando agli operatori, la Bernstein ha migliorato il proprio giudizio sul titolo della banca elvetica. La Julius Bär è in aumento dell'1,53% e l'UBS dello 0,27%.
Novartis segna una progressione dello 0,92%, Roche dello 0,95%. La Nestlé - altro peso massimo difensivo - cresce dello 0,37%. Fra gli altri valori guida si sta mettendo in evidenza Richemont, in crescita del 2,35%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS