Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera continua la seduta al rialzo dopo il calo di ieri sui timori per la Grecia e per un rapido aumento dei tassi Usa. Verso le 15:30 l'indice dei valori guida SMI guadagnava lo 0,91% a 9'357,42 punti e quello allargato SPI lo 0,86% a 9'491,69 punti.

La Bce, per la prima volta da febbraio, ha lasciato oggi invariata a 80,2 miliardi di euro la linea di liquidità d'emergenza (Ela) alle banche elleniche. Un funzionario del governo di Atene - riferisce l'agenzia Bloomberg - ha detto che La Banca centrale della Grecia non ha chiesto alla Banca centrale europea di aumentarla.

Dall'iniziale linea di credito da 60 miliardi di euro varata a febbraio, Francoforte nelle sue riunioni settimanali ha di volta in volta accettato la richiesta della Banca di Grecia di innalzare la liquidità d'emergenza - a fronte della sempre più pressante crisi finanziaria del Paese - arrivando agli attuali oltre 80 miliardi di euro.

A trainare al rialzo il listino principale vi sono i pesi massimi difensivi: Nestlé progredisce dello 0,75%, Novartis dell'1,08% e Roche dell'1,23%.

Bene i titoli bancari: primo fra tutti Julius Bär (+0,97%), seguito da UBS (+0,94%) e CS Group (+0,77%).

Quanto agli assicurativi, Swiss Re (+1,36%) approfitta di una raccomandazione favorevole di Goldman Sachs e fa meglio di Zurich (+0,53%).

Tutti in crescita di oltre l'1% - ad eccezione di Geberit (+0,94%) - anche i titoli più sensibili alla congiuntura: Adecco sale dell'1,53%, ABB dell'1,12% e Holcim dell'1,01%.

Gli unici titoli in negativo sono Givaudan (-0,06%), SGS (-0,55%), Swatch Group (-0,81%) e - fanalino di coda - Transocean (-2,70%)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS