Navigation

Borsa svizzera: indici attorno alla parità

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 marzo 2012 - 15:36
(Keystone-ATS)

Dopo una mattinata complessivamente positiva, gli indici della Borsa svizzera si muovono ora attorno alla linea di demarcazione, complice il dato pubblicato nel primo pomeriggio sulle vendite di case esistenti negli Stati Uniti, scese in febbraio dello 0,9%, mentre le attese erano per un incremento dell'1,1%. Alle 15.25 l'SMI sale dello 0,05% a 6'299.13 punti, mentre l'SPI cede lo 0,01% a 5'773.46 punti.

Sul listino principale pesano soprattutto Adecco (-1,64%), Novartis (-0,30%), UBS (-0,54%) e Credit Suisse (-0,49%). In flessione anche Transocean (-0,96%), Actelion (-0,89%), Holcim (-0,73%), ABB (-0,21%) e Swisscom (-0,11%). In netto rialzo per contro Julius Bär (+1,56%) e Syngenta (+1,32%). Roche cresce dello 0,63%, mentre Nestlé è invariata.

Nell'indice allargato da segnalare Rieter, il cui titolo cede l'8,45%. Il fabbricante zurighese di macchine tessili ha decisamente migliorato i risultati nell'esercizio 2011: l'utile netto, di 119 milioni di franchi, è cresciuto del 43,5%, e il fatturato del 22% a 1,06 miliardi. L'utile operativo EBIT è progredito del 49% a 112,6 milioni di franchi. Le ordinazioni in entrata sono invece diminuite del 34% a 958,3 milioni. L'utile operativo è al di sotto delle previsioni degli analisti interrogati dall'agenzia awp, mentre quello netto è superiore alle attese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?